Lu'duchessa d'Este
Lu'duchessa d'Este

Lu’duchessa d’Este: nuova docummedia di Marco Melluso e Diego Schiavo

Lu’ duchessa d’Este il solo titolo già incuriosisce, se poi si pensa che i “papà” sono Marco Melluso e Diego Schiavo allora la singolarità e l’originalità sono garantite.

Lu'duchessa d'Este

Dopo La Signora Matilde ed Il Conte Magico, è la volta de Lu’duchessa d’Este, dedicata ad una delle figure femminili più ambigue e controverse del Rinascimento italiano: Lucrezia Borgia, la quale verrà narrata in una veste quasi inedita, incorniciata da un’atmosfera mista tra la realtà storica e l’intrattenimento, un connubio che riesce a catturare l’attenzione di un pubblico variegato e di ogni età.

Nel docufilm la persona e la personalità di Lucrezia assumono una colorazione diversa, quasi distaccata dai racconti che la dipingono, da sempre, come spietata e con la “fama” di essere una scaltra avvelenatrice.

Lucrezia si paleserà come una grande donna dalle inaspettate doti, abile e capace in molteplici attività, dall’intelligenza palpabile e con la grande passione per l’arte. Una donna che ha dovuto farsi valere, combattendo anche contro maldicenze e preconcetti.

Oltre alla protagonista verranno messe in risalto anche le meraviglie architettoniche e paesaggistiche dei luoghi familiari alla duchessa, soprattutto le province di Modena, Bologna e Ferrara.

Non ci resta che attendere la nuova avventura del duo Marco Melluso e Diego Schiavo, pronti a dar vita ad una entusiasmante docummedia scritta altresì con Galatea Vaglio, Francesca Roversi Monaco e Alessandro Vanoli.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Partner. Foto dal Web

Come non impazzire per la presenza costante del partner?

Gli attuali cambiamenti della società, consentiti dalla digitalizzazione hanno cambiato i rapporti tra partner. Come gestirli in casa?

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Ulisse di Carmen Castiello. Foto di Giovanni Minervini

Ulisse di Carmen Castiello in scena

Il viaggio dell'iconico Ulisse è lo stesso proposto al pubblico tra i corridoi e le sale del museo sannita Arcos di Benevento.

Lascia un commento