Legora Family for Africa, quando la solidarietà passa per i colori dello spettacolo – Foto

E’ diventato ormai un appuntamento fisso quello del Charity Gala Legora Family for Africa, che anche quest’anno nello scenario del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, ha trovato il giusto spazio per la nobile causa della famiglia Legora De Feo.

Un appuntamento che ha anticipato la magica festa del Natale, attesa da adulti e bambini, ma che vive dello stesso mood di amore per il prossimo, calore e generosità.

L’evento

La serata di Gala è stata accompagnata da una piacevole cena alternata da momenti di spettacolo e grandi emozioni. Momenti forti alla presenza di Alessandro e Pasquale sul palcoscenico insieme a Veronica Maya, nel ricordo di Angela, mamma e moglie che ha accompagnato il giovane Legora in un viaggio di sensazioni e sentimenti nei confronti di questo grande Paese che ha tanto bisogno di sentire presenza e aiuto, che è l’Africa.

Da qui il susseguirsi dei momenti di spettacolo che hanno alternato musica e cabaret: la presenza dell’attore Francesco Testi, testimonial ormai di Una voce per Padre Pio Onlus, l’apertura con l’omaggio a Pino Daniele di Lina Sastri, la voce black di Fausto Leali e l’emozione di Manuela Villa con “Un amore così grande”.

Per passare poi alla comicità ed alle gag insieme a Gigi e Ross, che in un “divertente teatrino” coinvolgono Francesco Paolantoni e Francesco Cicchella (che si esibirà in un secondo momento con Vincenzo De Onestis). Poi un meraviglioso catwalk tra i tavoli che anticipa la capsule di Alessandro Legora, in un’atmosfera tipicamente francese, accompagnata dalle note del pianoforte a coda suonato da Lyuba Tomash.
A chiudere la serata in musica le voci di Rosa Miranda e Monica Sarnelli.

Gli ospiti e le foto dell’evento

Tanti gli amici dello spettacolo accorsi per l’evento tra cui gli attori di Un Posto al Sole: Miriam Candurro, Luca Capuano, Samanta Piccinetti, Maria Maurigi e Marina Tagliaferri. L’attrice Giovanna Rei, Francesco Testi con la compagna Reda Lapaite, Pamela Prati, la consulente d’immagine Adelaide Caiazzo, l’ufficio stampa Mila Gambardella, i giornalisti e tanti esponenti dell’imprenditoria amici della famiglia Legora…

Ecco la gallery dell’evento:

Le dichiarazioni

Per omaggiare la famiglia ed il lieto evento, tante sono state le personalità intervenute, dalle quali abbiamo raccolto qualche dichiarazione sul progetto Legora Family for Africa e della propria vicinanza alla famiglia organizzatrice di questa “avventura solidale”.

Alessandro Legora: “L’evento è all’insegna della solidarietà. Abbiamo radunato tanti amici artisti che si esibiranno a favore della raccolta fondi per l’Africa. L’Africa per me è legata a ricordi molto forti e alla mia grande mamma, che ha iniziato la sua avventura in maniera silenziosa, ma portando sempre risultati importanti. Sono più emozionato questa sera che quando presento le mie collezioni“.

Pasquale Legora: “La famiglia è il riferimento di tutto e da li dobbiamo partire e il progetto che stiamo per concretizzare questa sera, parte proprio da li. E’ iniziato tutto da mia moglie, che si è sempre dedicata a chi ha più bisogno. Sono fiero di Alessandro che ha voluto proseguire questo percorso, ed aver raccolto oltre 100mila euro questa sera, mi fa capire che non stiamo sbagliando“.

Veronica Maya: “E’ la prima volta che conduco questa serata, seppur conosco la famiglia da tempo. Sono due persone che hanno una personalità straordinaria e meritano la mia fiducia, soprattutto per i tanti punti in comune che abbiamo sulla visione della condivisione e dell’affetto per i bambini. Coinvolgere oltre 500 persone questa sera fa capire l’entità di questo progetto e come c’è anche una bella Napoli“.

Marina Tagliaferri: “Con il cast di Un Posto al Sole siamo sempre molto vicini alle iniziative solidali. Alessandro è una persona sempre in prima linea, che dimostra coraggio e pulito, e questo mi piace tanto in una persona. Ognuno di noi è chiamato ad essere presente in questi eventi e cerchiamo di dare il massimo perchè dico sempre: senza medici non si può vivere, ma senza attori si… quindi se c’è qualcosa che ci permette di farci essere ancora più utili alla collettività, che ben venga“.

Maria Maurigi: “Sono contenta di essere qui per un progetto così importante e rilevante. Io seguo tanto la clown therapy perchè lo vivo come un arricchimento interiore, e quindi penso che tutto quello che sia solidarietà arricchisce“.

Giovanna Rei: “Sembrerà retorico, ma credo molto nelle Fondazioni e nelle Istituzioni di Beneficenza, dove le persone che ci sono dietro non hanno bisogno di lucro. Mi spaventa chi da un giorno all’altro compare e tira fuori la beneficenza. Qui con Alessandro e Pasquale penso che il supporto sia dovuto perchè è sicuro che ciò che viene promesso avviene“.

Luca Capuano: “Sono contento di essere qui per il Museo di Pietrarsa che è una delle bellezze della mia terra. Sono felice anche per aver conosciuto la famiglia Legora, che perchè proprio come la mia famiglia, c’è una sana voglia di fare. Io sono vicino alla solidarietà perchè sia con la nazionale attori, sia nel mio quotidiano con Unicef, sia io che mia moglie siamo testimonial di un bel progetto benefico“.

Samanta Piccinetti: “Conosco da un po’ la famiglia e collaboro con loro per tante cose. Solo l’anno scorso ho scoperto questo progetto e sono rimasta molto colpita. Chi può ‘sfruttare’ dei contatti del proprio lavoro per fare beneficenza è sicuramente un qualcosa che gratifica“.

Dea Caiazzo: “Felicissima di esserci e quando posso felice di mettermi a disposizione. Ho conosciuto questa famiglia lo scorso anno per il loro lavoro tecnico principale, ma poi quando ho scoperto anche questa seconda immagine del progetto legato all’Africa e il mio obiettivo è quello di essergli di supporto“.

Francesco Testi e Reda Lapaite: “Ho girato poco tempo fa uno spezzone per una realtà solidale che andrà in onda su TV2000 e tra le cose che ho scritto per rivolgermi ai bambini, dico sempre una cosa: tendiamo ad essere più buoni a Natale, ma dovremmo essere più buoni tutto l’anno per solidarietà e carità. Qui a Napoli abbiamo iniziato un recupero scolastico per bambini disagiati e questo mi rende felice“.

Miriam Candurro: “Il mio rapporto con la solidarietà è forte perchè penso che noi che siamo ‘i fortunati’, ovvero che non abbiamo problemi per vivere e soprattutto viviamo nella parte giusta del mondo, dobbiamo qualcosa a chi non può. Sapevo del progetto in Africa della famiglia Legora e sono contenta di esserci, ma soprattutto di poter dare un supporto continuativo alle loro iniziative“.

Anche La Gazzetta dello Spettacolo è intervenuta alla serata di beneficenza, volendo portare il proprio contributo, divulgando il messaggio di solidarietà e sposando quello che sono e saranno le iniziative attuali e future della Legora Family for Africa.

Potrebbe interessarti

Veronica Maya conduce L'Italia che fa

L’Italia che fa: Veronica Maya tra le storie degli italiani

Arriva oggi su Rai 2, L’Italia che fa, un nuovo programma dedicato alle storie e …

Avvocato Valentina Ruggiero. Foto da Ufficio Stampa

LockDown: come è cambiato l’amore in quarantena

Questo lungo periodo di lockdown vissuto dall’Italia negli ultimi due mesi, ha cambiato il modo …

Naike Orilio. Foto di Marco Corriere. Stylist Gaia Vitale - Cover

Naike Orilio, amo la musica che mi fa ballare mente e corpo!

Oggi andiamo nella Vita da Influencer della bella Naike Orilio: che vediamo sui social districarsi …

Lascia un commento