Ridere…e poi? Ecco Nando Paone

Una sagace ma divertente pièce sulla necessità di apparire, una provocatoria riflessione sulle paure e le solitudini dell’uomo in chiave comica, un testo scritto nel 2003 che ha raggiunto i tempi maturi per essere rappresentato.

Si tratta di “Ridere…e poi?”, il nuovo spettacolo diretto e scritto da Cetty Sommella, con uno dei più grandi comici viventi, Nando Paone, accompagnato da Antonella Cioli e Biagio Musella, in anteprima nazionale dal 30 gennaio al Teatro Cilea, per una produzione Tunnel Cabaret.  “Anche le persone comuni sembrano avere, sempre più, la necessità di esprimersi “artisticamente” – spiegano le note di regia – pur non avendone il talento.

Cercano spasmodicamente una platea con la quale confrontarsi, per esistere, per essere, e soprattutto per vincere la profonda solitudine che vivono scambiando l’egocentrismo ispirato dalla solitudine, con il talento artistico”.

In un’epoca caratterizzata da un nuovo edonismo, il testo racconta di uomo comune che, spalleggiato da un non meno divertente psicoanalista e da un personaggio che solo lui vede e che con lui interagisce, alterna momenti di puro divertimento a gustose riflessioni sulla attuale condizione umana.

Vi aspettiamo al varco con la comicità del poliedrico Nando Paone, già amico e ospite tante volte delle pagine de La Gazzetta dello Spettacolo.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Una scena di Ti lascio tra un post

Ti lascio tra un post, in scena al Marconi

Musica, divertimento, risate: un mix di emozioni sul palco di Ti lascio tra un post, con il "varietà d'amore di ieri, oggi e domani"

Gianfranco Gallo in Quartieri Spagnoli. Foto di Giancarlo Cantone

Quartieri Spagnoli: la commedia musicale di Gallo incanta ancora Napoli

Quartieri Spagnoli di Gianfranco Gallo torna al Trianon Viviani e lo fa ottenendo nuovamente consensi di pubblico.

Sabrina Marciano. Foto di Roberta Beneduce

Sabrina Marciano: da danzatrice a Dancing Queen

Sabrina Marciano è una donna genuina e schietta e ci racconta la sua storia da danzatrice a Dancing Queen per Mamma mia.

Lascia un commento