Daniela Alleruzzo con alcuni membri di L'Arte nel Cuore
Daniela Alleruzzo con alcuni membri di L'Arte nel Cuore

Una canzone contro il CoronaVirus dai ragazzi di L’Arte nel Cuore

L’Arte nel Cuore è un’Accademia Artistica per ragazzi con diverse disabilità e normodotati, che ha pensato bene in questo periodo di quarantena, assieme ai suoi allievi di lanciare alcuni messaggi solidali importanti.

Daniela Alleruzzo con alcuni membri di L'Arte nel Cuore
Daniela Alleruzzo con alcuni membri di L’Arte nel Cuore

Per invitare la popolazione a restare nelle proprie case e rispettare le normative che impongono l’isolamento sociale previste dai decreti legge sul Covid-19, ma anche per ringraziare medici, infermieri e il personale sanitario impegnati nelle opere di aiuto e sostegno agli ammalati di CoronaVirus con una straordinaria canzone, dal titolo “Credo in queste tue mani”, e il relativo videoclip.

Gli attestati di stima sono arrivati da più parti. Da Lorella Cuccarini, a Barbara D’Urso. Dai Tg Nazionali ai siti più visitati.

Ne parliamo con Daniela Alleruzzo, Presidente dell’Associazione:

Benvenuta su La Gazzetta dello Spettacolo a Daniela Alleruzzo. I ragazzi de L’Arte nel Cuore hanno sentito il bisogno di sostenere il progetto #iorestoacasa. Perchè secondo lei?

Abbiamo sentito il bisogno di mandare questo messaggio perché ci siamo seri conto che la gente non comprendeva l’importanza di questa emergenza. I nostri allievi si domandavano: possibile che noi, che siamo ragazzi con delle difficoltà, che siamo disabili, lo abbiamo capito e ci atteniamo alle regole richieste dal Governo, nonostante i nostri problemi, (spesso proprio di mobilità), e chi invece ha avuto la fortuna di nascere sano fa fatica a comprendere quanto siano indispensabili le normative del DCPM? Da qui nasce la nostra iniziativa “Io Resto a Casa” rivolta ai ragazzi normodotati.

I media hanno risposto bene ai loro appelli. Perchè i vostri allievi riescono a essere più credibili a volte dei personaggi famosi?

Noi ringraziamo tutti i mass media che hanno dato visibilità al lavoro che abbiamo fatto, come d’altra parte fanno sempre. La risposta soprattutto dei TG e delle Rubriche è arrivata perché hanno compreso il messaggio dei nostri ragazzi, e c’è stata una sensibilità maggiore.

Lorella Cuccarini a “La Vita in Diretta” ha ospitato Emanuela Annini per parlare di questa iniziativa. Lei come Presidente dell’Accademia è soddisfatta?

Sono molto contenta che sia stata contattata dalla redazione de “La Vita in Diretta” una nostra allieva de L’Arte nel Cuore, Emanuela Annini, e abbia avuto la possibilità di chiacchierare con Lorella Cuccarini durante la trasmissione. In questo modo il messaggio della nostra iniziativa “Io resto a Casa” ha potuto raggiungere un numero maggiore di persone. La Rai, e in primis la Cuccarini, hanno dimostrato grande sensibilità.

Per via del decreto, l’Accademia è chiusa. Vi siete dati da fare organizzando le lezioni di canto, ballo e recitazione online. Che atmosfera c’è fra di loro?

Si fa di necessità, virtù. Noi come L’Arte nel Cuore ci siamo riorganizzati perché abbiamo sentito il bisogno di non lasciare da soli a casa questi ragazzi, abbandonati a se stessi. E ci siamo riorganizzati con le lezioni online, come fanno le scuole tradizionali. Recitazione, danza, canto, musica: tutte le discipline che offriamo nei nostri corsi, le abbiamo riattivate attraverso lo smart working. I nostri allievi stanno rispondendo benissimo, tra l’altro facendo una nuovissima esperienza, rimettendosi ancora in gioco. Dobbiamo dire che sono più disciplinati online che nelle classi (ride). Sia io che il corpo docente siamo molto felici di questa nuova iniziativa.

A “Pomeriggio 5” Barbara D’Urso ha mostrato un’ulteriore iniziativa che avete realizzato, “Credo in queste tue mani”, che ha riscosso un successo incredibile sui social. Di cos si tratta esattamente?

Barbara D’Urso la ringraziamo perché è sempre stata molto attenta anche lei alle nostre idee. Credo che come associazione L’Arte nel Cuore siamo state fra le prime a rendersi conto dell’importante lavoro dei medici, degli infermieri e degli operatori sanitari che usano le proprie mani per il bene nostro e di tutti gli italiani. Nasce così l’idea mia e dei miei ragazzi di scrivere una canzone e girare un videoclip proprio per dire a loro: grazie. La D’Urso ha voluto condividere con tutti i telespettatori di Canale 5 il nostro lavoro. Ne siamo davvero fieri.

L’Arte nel Cuore ha intenzione di valutare altre iniziative di questo genere, in vista del prolungato periodo di quarantena Covid-19?

Sulla nostra pagina social, assieme ai docenti, e ai ragazzi, ogni giorno vengono regalati dei contenuti differenti. Ma stiamo anche studiando un progetto davvero importante per quando la quarantena sarà terminata. Sarà qualcosa di davvero speciale.

Autore: Susanna Marinelli

Giornalista pubblicista, ha scritto tra le altre per le riviste Cioè, Debby, Ragazza Moderna, Vip, Eva 3000, Grand Hotel, Gossip, Tutto, Nuovissimo...Ha partecipato come ospite a varie trasmissioni tv tra cui La Vita in Diretta e in radio per Radio2Rai.

Potrebbe interessarti

Partner. Foto dal Web

Come non impazzire per la presenza costante del partner?

Gli attuali cambiamenti della società, consentiti dalla digitalizzazione hanno cambiato i rapporti tra partner. Come gestirli in casa?

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Ulisse di Carmen Castiello. Foto di Giovanni Minervini

Ulisse di Carmen Castiello in scena

Il viaggio dell'iconico Ulisse è lo stesso proposto al pubblico tra i corridoi e le sale del museo sannita Arcos di Benevento.

Lascia un commento