Natali Ferrary e il body art sulla pool dancer Mara Sorrentino
Natali Ferrary e il body art sulla pool dancer Mara Sorrentino

Opere d’Arte viventi: la Body Art diventa collage per Natali Ferrary

L’arte che si esprime in tocchi di colore, pezzi di tessuto e carta, elementi riutilizzati a “nuova vita” per realizzare strabilianti visioni sui corpi nudi delle modelle.

Torna a far parlare di se e delle sue straordinarie doti creative, Natali Ferrary, eccellente artista di origine siberiana che da anni vive e lavora in Italia fra Napoli, Roma, Calabria e Sicilia. Natali è una delle poche creatrici di immagini artistiche sui corpi umani che si è specializzata a livello internazionale ben al di là di quello che un tempo veniva definito semplicemente come Body Painting.

Natali Ferrary e il body art sulla pool dancer Mara Sorrentino
Natali Ferrary e il body art sulla pool dancer Mara Sorrentino

Nella foto, Natali è con una delle sue modelle, la pool dancer Mara Sorrentino. La versatile e creativa pittrice e musicista russa, esperta in restauri in versione pop-art di mobili antichi e di affreschi futuristici che vanno ad impreziosire attici ultramoderni in pieno centro cittadino, così come gli interni di palazzi e ville signorili, sempre più spesso ama mostrare le sue grandi doti creative, impegnandosi in lavorazioni eleganti ed accurate che richiedono anche diverse ore per la loro realizzazione.

Spesso accompagnata dalla sua più fida assistente,la figlia Karolina, Natali trasforma la sua modella (in questo caso la ballerina e coach napoletana Mara Sorrentino) nelle sue strabilianti visioni.

Anche in questo caso e come si evince dalla foto scattata nel corso di un importante evento artistico che si è svolto a Ischia,la modella, è stata completamente rivestita di colori, pezzetti di carta e di tessuti, seguendo le tecniche di composizione artistica miste che solo la scuola internazionale di Body Art (di cui Natali Ferrary è espressione fra le migliori in circolazione) insegna ad utilizzare, armonizzando l’uso dei materiali con la sensibilità artistica dell’autrice delle opere.

Nelle opere “viventi” di Natali Ferrary, la Body Art rappresenta dunque una versione assolutamente innovativa delle tradizionali tecniche di collage. Al posto delle tele, il supporto sul quale l’artista lavora è il corpo umano, quello delle modelle e talvolta anche dei modelli, che l’artista utilizza per le sue performance artistiche in presa diretta, non nascondendo al pubblico alcun passaggio di realizzazione delle tecniche acquisite.

Autore: Anthony Moy

Potrebbe interessarti

Partner. Foto dal Web

Come non impazzire per la presenza costante del partner?

Gli attuali cambiamenti della società, consentiti dalla digitalizzazione hanno cambiato i rapporti tra partner. Come gestirli in casa?

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Ulisse di Carmen Castiello. Foto di Giovanni Minervini

Ulisse di Carmen Castiello in scena

Il viaggio dell'iconico Ulisse è lo stesso proposto al pubblico tra i corridoi e le sale del museo sannita Arcos di Benevento.

Lascia un commento