I love Mammy in Montecarlo, come sopravvivere a una vita glitter di Silvia Alonso

I love Mammy in Montecarlo, come sopravvivere a una vita glitter di Silvia Alonso

Amanti dell’opera letteraria di Sophia Kinsella, rallegratevi! Arriva un’autrice italiana che è forse più brava di lei. Si chiama Silvia Alonso e, con la sua protagonista, Sylvie Labella, ci porta a Montecarlo. Infatti il romanzo si intitola “İ love mommy in Montecarlo (Come sopravvivere a una vita glitter)”.

I love Mammy in Montecarlo, come sopravvivere a una vita glitter di Silvia Alonso

È uno spaccato di vita del Principato di Monaco, con i suoi usi e costumi, con le sue regole non scritte ma che ognuno che posa il piede sul suolo monegasco è tenuto a conoscere e a rispettare. Una fra le tante, la regola della gentilezza e della cortesia. La quale è spesso rispettata solo formalmente e fa quindi nascere un interessante diverbio fra le parole che le persone dicono e il linguaggio del corpo che tradisce le loro vere intenzioni, talvolta totalmente opposte rispetto a quelle che vorrebbero ostentare.

Il libro è un interessantissimo gioco al massacro di chi non ce la fa a reggere la severità delle leggi monegasche. È scritto con una passione autentica per il genere scoperto da Kinsella che qui acquisisce una nuova vita e diventa perfino più tagliente, più coinvolgente, più efficace.

Una giovane e bella donna è alle prese con i suoi anni più impegnativi: cresce un figlio di due anni e temporaneamente non lavora (o, meglio, non lo fa a tempo pieno). Ecco perché ha tantissimo tempo per occuparsi di suo figlio, esplorare la vita di Montecarlo, organizzare incontri con le amiche e – si! – fare anche shopping, cosa che per lei è imprescindibile e necessaria.

Sylvie Labella ha studiato da avvocato in Italia. Ma, dopo gli studi, si è sposata e si è trasferita a Montecarlo . İ capitoli sul vivere quotidiano nel Principato di Monaco si alternano con le lettere che Sylvie scrive a numerosissimi enti cittadini e statali per introdurre migliorie o perfezionare, almeno secondo lei, un qualcosa che, nell’ottica delle autorità, è già perfetto e, quindi, destinato a restare immutato. È un elemento non presente, ma deducibile dal romanzo: Sylvie scrive spesso, ma non ottiene mai alcuna risposta. Ciò non la scalfisce minimamente. È convinta di fare bene il suo dovere di cittadina, continuando a proporre sempre nuove iniziative.

Un curioso ed esplosivo mix di ironia e, soprattutto, autoironia, precisione nella descrizione delle tipologie degli abitanti di Montecarlo, una sottile e appena percettibile critica nei confronti dell’alta borghesia, una non meno efficace critica di altre classi sociali costrette a sottostare ai giochi e a subire i ruoli imposti loro da quelli che decidono.

Avvincente e mordace scrittura di un’autrice il cui esordio segna una nuova era nella storia del romanzo “alla Kinsella” senza mai copiarlo, ma lasciandosi, però, ispirare da esso per nuove e fresche idee e spunti per la propria creatività.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Non mi ricordo una mazza, di Gianni Mazza

Non mi ricordo una Mazza, di Gianni Mazza

Una vita in musica e televisione per il maestro Gianni Mazza che in questo periodo presenta il suo libro, "Non mi ricordo una Mazza".

Ian Giovanni Soscara

Se lo sapesse Jung, di Ian Giovanni Soscara

Parliamo di Ian Giovanni Soscara e del viaggio alla ricerca dell’anima nel libro "Se lo sapesse Jung" di cui ci racconta.

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Uscito a novembre, "Verità fai-da-te Il pensiero critico argine alla disinformazione" è il nuovo libro di Aldo Mantineo.

Lascia un commento