Il cast di Red Market
Il cast del film Red Market

Red Market: Walter Nicoletti si racconta

Un successo inarrestabile, soprattutto a livello internazionale per il film “Red Market” di Walter Nicoletti che è stato premiato sabato 27 agosto a New York, come miglior film drammatico all’interno della prestigiosa rassegna “New York Cinematography Awards“.

I temi cardine della pellicola, trattano il traffico di organi e la dipendenza sul gioco d’azzardo. Una riflessione, su questi argomenti – purtroppo attuali – attraverso la magistrale interpretazione degli attori: Walter Nicoletti, Gabriele Grano, Brunella Lamacchia, Franco Piccinni, Nestor Romero e Donato Cirella.

Il film narra la storia di Aurelio, un medico con il vizio del gioco d’azzardo che, per risanare le proprie finanze ed estinguere un debito di gioco, decide di fare affari con un broker di traffico internazionale di organi. Il rene è l’organo più richiesto: 70mila reni vengono trapiantati ogni anno. 15mila provengono dal mercato illegale cosiddetto “Mercato Rosso”. La domanda e l’offerta di organi avviene anche online, la prima piazza del traffico di organi passa dai social network.

Walter Nicoletti
Walter Nicoletti

Walter Nicoletti, benvenuto su “La Gazzetta dello Spettacolo”. Un grande trionfo agli Actors Awards di Los Angeles, vincendo il premio come miglior attore non protagonista con il suo ultimo film Red Market ma anche il 27 agosto come Miglior film drammatico, in occasione del “New York Cinematography Awards”. Che emozione hai provato e se lo aspettava?

Grazie a voi per l’interesse dimostrato nei confronti del mio percorso artistico, sono onorato di essere intervistato per la vostra prestigiosa testata. Il premio come miglior attore non protagonista agli Actors Awards di Los Angeles è giunto a dicembre 2021. E’ stato come ricevere in anticipo un regalo di Natale, oltre che una meravigliosa sorpresa assolutamente inaspettata, soprattutto per la fama internazionale della rassegna hollywoodiana. Aver vinto un premio così prestigioso ad Hollywood mi ha concesso la grande opportunità di proseguire con la distribuzione festivaliera del film, presentandolo ad altre rassegne dello stesso calibro. Il destino ha poi voluto che nel mese di luglio io vincessi, sempre come miglior attore non protagonista, ai Los Angeles Cinematography Awards 2022, mentre sabato 27 agosto la pellicola ha vinto ai New York Cinematography Awards come miglior film drammatico.

Perché Walter, secondo Lei, il film ha avuto questo grande successo?

Un film che racconta la delicata e controversa tematica legata al traffico internazionale di organi, unita a quella della dipendenza dal gioco d’azzardo non è mai stata raccontata nel panorama del cinema italiano ed internazionale. Credo che il successo derivi dal coraggio che abbiamo avuto nel portare sul grande schermo la crudele e invisibile realtà del “Mercato Rosso”, una vera e propria piaga presente nel mondo da decenni, ma che resta ancora in un silenzio assordante.     

A chi ha dedicato questo premio?

Il premio degli Actors Awards è dedicato al cast e alla troupe, senza dei quali ora non sarei qui a parlarvene. Il premio dei Los Angeles Cinematography Awards, invece, è dedicato a mio padre, scomparso qualche giorno prima che annunciassero la mia vittoria.

Autore: Sara Morandi

Insegnante per vocazione, giornalista per passione. Amo il teatro perché incarna le emozioni viventi delle nostre anime. Ho sempre scritto di spettacolo e questo mi ha reso felice e mi rende tuttora. Divoro libri e il mio sogno sarebbe quello di scrivere un romanzo.

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento