Max Deste, arriva Qualcosa di magico”

Oggi parliamo di Max Deste, cantautore svizzero, che torna con il suo nuovo singolo che ha come titolo “Qualcosa di magico”.

Max Deste

Il “tocco” di Max Deste da tempo è inconfondibile: il suo stile è pop, ma un pop particolare, un pop che spinge alla riflessione. Non potrebbe essere altrimenti perché Max Deste è anche uno scrittore. Diverse sono le sue opere: poetiche o romanzi o saggi o pièce teatrali. Quindi la sua musica trasmette la sua naturale propensione per il profondo, per la “meditazione mentale” e non solo. Infatti egli è direttore del Centro di meditazione Shambhala Ticino tra le altre cose.

Qualcosa di magico

Questa canzone, nonostante il suo estro pop, ci spinge a riflettere sulla distrazione di massa, sulla schiavitù tecnologica. E il video di “Qualcosa di magico” non è da meno. Due giovani che scappano in modo enigmatico da qualcuno o da qualcosa. Un video che trasmette fisicità, tenerezza, dolcezza, un video che rappresenta il semplice incontro tra due anime, incontro da cui scaturisce appunto qualcosa di magico in contrapposizione alle “sirene” che ci attraggono sempre di più, sirene che sono il simbolo della “distrazione di massa”, della video-sfera che ogni giorno ci tiene “occupati”. Il monito di Max Deste è “Andiamo via da qui”: scappare lontano da un mondo che mira al condizionamento totale. Max, invece, ci spinge a cercare la libertà ed uno dei modi per favorire questo processo è trovare persone affini a noi, un’anima gemella magari, una persona che possa aiutarci a creare qualcosa di magico…

Testi e musiche sono di Max Deste mentre gli arrangiamenti sono di Roberto Colombo e Riccardo Di Filippo. La produzione audio è stata affidata a Heaven Recording Studio (Lugano). Il singolo è presente anche con un video su YouTube, video che è stato montato da Al-Kee video e music management.

Potrebbe interessarti

Max Deste. Foto da Ufficio Stampa

Max Deste e il suo “Dolce far niente”

Oggi vi parliamo di Max Deste, cantautore e scrittore svizzero di origini italiane (abruzzesi per …

Lascia un commento