Nodo con il Premio Vincenzo Crocitti
Nodo con il Premio Vincenzo Crocitti

Nodo… io “Lavoro per La Banana”

Un interprete talentuoso, simpatico e disponibile. E’ il turno di Nodo, vincitore del “Premio Vincenzo Crocitti International” nel 2020, in qualità di “cantautore emergente internazionale”.

In questa intervista, ci racconta della grande emozione provata, nel momento in cui gli è stato conferito il premio dal direttore e autore Francesco Fiumarella e dal tutto comitato organizzativo. Nodo, inizialmente incredulo della vittoria, ci anticipa: “Ero così meravigliato che stentavo a crederci e vedere poi il mio nome tra la lista dei premiati è stato il più bel regalo che potessi ricevere”. Inoltre, ci parla del suo ultimo brano, da un titolo davvero originale: “Lavoro per La Banana”: una canzone che ha composto per tutte le persone che come lui si sono ritrovate a scendere a compromessi con qualcosa che non gli apparteneva, allontanandosi molte volte dalla propria felicità e identità.

Ciao Nodo, benvenuto su “La Gazzetta dello Spettacolo”. Parliamo subito del “Premio Vincenzo Crocitti” e del direttore Francesco Fiumarella. Che cosa hai provato nel ricevere questa prestigiosa onorificenza nel 2020?

Grazie a voi. E’ un piacere per me! Ricevere questo importante riconoscimento è stato davvero inaspettato. Mi spiego meglio. Hai presente quando il regalo che ti viene fatto alle feste supera di gran lunga le tue aspettative? Ecco. Quando ho ricevuto la telefonata da parte della redazione, inizialmente, pensavo che fosse uno scherzo. Ero così meravigliato che stentavo a crederci e vedere poi il mio nome tra la lista dei premiati è stato il più bel regalo che potessi ricevere. Sono entrato in contatto con “Il Premio Vincenzo Crocitti International” grazie ad un contest su Instagram, diretto da Claudio Cecchetto, al quale stavo partecipando. Durante uno degli spazi, il direttore del premio Francesco Fiumarella, ebbe l’opportunità di poter presentare questa lodevole realtà soffermandosi sui valori cardini della rassegna che, fortunatamente, si discostano molto da tutti gli altri tipi di premi o concorsi in cui mi sono ritrovato a partecipare negli anni. Spinto dalla curiosità, ho deciso quindi di contattarlo ed inviare la mia candidatura.  Il resto … è quel meraviglioso attestato che conservo con molto orgoglio e soddisfazione. E’ stato davvero importante capire che il messaggio che cerco di portare nelle mie canzoni era arrivato, soprattutto perché, al giorno d’oggi, non è poi così scontato essere capiti. Per questo ringrazio nuovamente Francesco Fiumarella e tutta l’organizzazione per aver riconosciuto il senso della mia musica. 

Sei un cantautore, presentaci il tuo ultimo progetto. Raccontaci, siamo qui tutt’orecchie!

Mi definisco cantautore perché mi piace raccontare e giocare con il senso delle parole, per poi svilupparne un concetto e metterlo in musica. Non abbandono i miei pensieri e cerco sempre di mettere tutto ciò che sono in quello che faccio, nel bene e nel male.  Il mio nome d’arte “Nodo” deriva da questo. Non posso cambiare me stesso, quello che faccio e quello che penso perché inevitabilmente fa parte di quello che sono.  Il mio ultimo brano, infatti, si intitola “Lavoro Per La Banana” ed è un brano che ho scritto e composto per tutte le persone che come me si sono ritrovate a scendere a compromessi con qualcosa che non gli apparteneva, allontanandosi molte volte dalla propria felicità e identità.  Credo che nella vita non ci si debba accontentare di una semplice “banana” anzi, credo che la felicità sia l’unica vera chiave per vivere bene. Quando si è felici e soddisfatti di quello che si sta facendo non esistono regole, statistiche o leggi che tengano per indurti a cambiare strada.  La felicità è una sola. Va cercata con fatica ma quando la si raggiunge ci si sente inevitabilmente bene quindi… Perché cambiarla per qualcosa che non ci aiuta ad esserlo?

Nodo, hai news o sogni nel cassetto?

Più che di sogni, vivo di obiettivi. Potrei dire di averne un archivio pieno.  Sicuramente, e questo è già in programma, pubblicherò nuovi brani accompagnati da serate live e per questo non vedo l’ora di aggiungere un altro piccolo tassello alla mia felicità. Nel frattempo invito tutti i curiosi ad ascoltare quello che faccio sulle mie pagine online e in futuro a partecipare attivamente alle mie serate. Grazie ancora per la disponibilità. Siate felici!

Autore: Sara Morandi

Insegnante per vocazione, giornalista per passione. Amo il teatro perché incarna le emozioni viventi delle nostre anime. Ho sempre scritto di spettacolo e questo mi ha reso felice e mi rende tuttora. Divoro libri e il mio sogno sarebbe quello di scrivere un romanzo.

Potrebbe interessarti

LaFede

LaFede: il mio Burro al Karitè

Federica Sportelli, LaFede, è un’artista milanese classe 1992. La musica e il canto sono stati, fin da piccola, le sue spinte interiori.

Annarè Persiano

Annarè Persiano, fra Gianna Nannini ed Elisa

Annarè Persiano, nel suo profilo Instagram, si descrive con queste parole: Sono una sognatrice, una scrittrice, un’ascoltatrice

Gemini. Foto di Marian Moscaliuc

I Gemini: tanti progetti in ballo

Ancora un incontro con I Gemini, il trio musicale costituito da Antonio Sambalotti e Andrea Sambalotti dopo The Band su Rai.

Lascia un commento