Una scena di Musicanti. Foto da Ufficio Stampa
Una scena di Musicanti. Foto da Ufficio Stampa

Musicanti, il tour sbarca a Torino

Musicanti è partito da Napoli ed ha salutato la città con 12.000 persone in platea. Poi è arrivato a Bari e a Firenze, e anche da queste due città è ripartito con sold out e standing ovation di un pubblico entusiasta.

Platea e palco si sono uniti, ovunque, in un grande abbraccio sulle note di “Tutta n’ata storia”, ballando poi sul bis di “Yes, I Know my way”. Ora “Musicanti. Il musical con le canzoni di Pino Daniele”, prodotto da Ingenius Srl e curato nella direzione artistica da Fabio Massimo Colasanti, è atteso al Teatro Colosseo di Torino, sabato 23 febbraio (ore 21) e domenica 24 febbraio (ore 18).

Una scena di Musicanti. Foto da Ufficio Stampa
Una scena di Musicanti. Foto da Ufficio Stampa

Grandi successi di Pino Daniele a comporre un patchwork straordinario. “Na Tazzulella ’e cafè”, “A me me piace ’o blues”, “I say I sto ’ccà”, “Napule è”, “Viento”, “Je so pazzo”, “Cammina cammina”, “Lazzari felici”, “Musica musica”, “Quanno chiove” e alcune canzoni tratte dal repertorio successivo, come “Che soddisfazione” e “Anima”, diventano i quadri in cui si muove un cast di talentuosi artisti, Noemi Smorra (Anna), Alessandro D’Auria (Antonio), Maria Letizia Gorga (Donna Concetta), Simona Capozzi (Rita), Pietro Pignatelli (Dummì), Enzo Casertano (Tatà), Francesco Viglietti (Teresina), Leandro Amato (‘O Scic), Ciro Capano (Nonno), accompagnato sul palco da una “resident band” d’eccezione, composta da celebri musicisti “amici” di Pino, Fabio Massimo Colasanti, chitarra; Roberto d’Aquino, basso; Fabrizio De Melis, viola; Alfredo Golino, batteria; Hossam Ramzy, percussioni; Simone Salza, sax; Elisabetta Serio, pianoforte-tastiere. Un suono sofisticato e fedele alla produzione di Pino Daniele, curato dal sound engineer storico del Lazzaro Felice, Fabrizio Facioni; e uno straordinario disegno luci firmato dal lights engineer Marco Palmieri.

La storia inedita, scritta da Alessandra Della Guardia e Urbano Lione, è quella del giovane Antonio, che torna nella sua Napoli per un lascito testamentario. Il misterioso benefattore è suo padre, di cui non ha mai saputo niente. Sconvolto dalla notizia, vuole liberarsi dell’immobile ma scopre che si tratta di uno storico locale di musica, il “Ue Man”.

Il ragazzo è costretto a restare a Napoli e a gestire la situazione, lo farà grazie all’aiuto umano e psicologico di un artista di strada, Dummì. Conoscerà Anna, la cameriera e cantante del locale, e il suo amico Teresina, rincontrerà Rita, si difenderà dai tranelli di un delinquente, ‘O Scic. Resterà ammaliato dai racconti di Donna Concetta e Tatà e aprirà il suo cuore incontrando il nonno di Anna. La presenza di Antonio in questo luogo tanto odiato troverà un perché.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Sandra Milo e Claudio Insegno

Sandra Milo: una Diva al Bracco

Essere diva oggi ha ancora un senso? Se parliamo di Sandra Milo sicuramente si e lo facciamo al Teatro Bracco di Napoli.

Quando spunta la luna a Marechiaro

Quando spunta la luna a Marechiaro al Bracco

Al Teatro Bracco diretto da Caterina De Santis è di scena la canzone napoletana in “Quando spunta la luna a Marechiaro”.

Maximilian Nisi

Maximilian Nisi: il presente, quel meraviglioso istante

Maximilian Nisi, in questo periodo alle prese con lo spettacolo teatrale "A spasso con Daisy", insieme a Milena Vukotic.

Lascia un commento