La rivista Bianco e Nero presentata a Venezia

Presso lo stand della Fondazione Ente dello Spettacolo all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia, sarà presentata la nuova serie di Bianco e Nero, storico quadrimestrale del Centro Sperimentale di Cinematografia, con un nuovo direttore, Alberto Crespi, un nuovo approccio critico e una nuova veste grafica.

Bianco e Nero - Rivista

La rivista Bianco e Nero rappresenta nel panorama nazionale ed internazionale un esempio di longevità. Nata nel 1937 come organo del Csc, è rimasta negli anni la testata più nota e più prestigiosa fra le pubblicazioni periodiche sul cinema. Con la nuova gestione il periodico propone teorie sensibili alla crossmedialità, alla iterazione di molteplici linguaggi eterogenei (cinema, televisione, internet, twitter…) per riflettere sulle nuove modalità produttive ed espressive (le web series in primis) con un bacino d’utenza ancora tutto da studiare e scoprire.

A proposito della nuova avventura che parte oggi Gabriele Antinolfi, direttore Editoria del CSC, dichiara: «Il presidente Stefano Rulli, il consigliere delegato all’editoria Aldo Grasso e i consiglieri di amministrazione hanno voluto il nuovo direttore Alberto Crespi, coadiuvato nella ricerca di un nuovo approccio da Mariapia Comand, Gianni Canova, Roy Menarini, Massimo Scaglioni, Leonardo Quaresima, Domenico Monetti e Nicola Lusuardi, e procedendo quindi a un inedito restyling della rivista».

Alberto Crespi, nell’editoriale del numero presentato a Venezia, delinea la nuova linea editoriale e le sue motivazioni: «La riflessione è compito nostro: critici, studiosi, intellettuali, insegnanti. Funzionerà se riusciremo a ritrovare  un contatto diretto con i cineasti di oggi e di domani. Per questo è importante segnalare, in questo numero, la “lettera d’amore” di Vincenzo Marra indirizzata a Le mani sulla città: altri registi verranno coinvolti in futuro, assieme agli studenti che al Csc lavorano per il cinema  dei prossimi centodiciotto anni.

Così come è fondamentale la presenza in Bianco e Nero di una sezione dedicata all’attività didattica del CSC, e in futuro delle  principali  scuole di  cinema  internazionali, e di studi sulla  serialità televisiva e transmediale, un mondo espressivo e produttivo nel quale  molti dei suddetti studenti cercheranno  e (auspicabilmente) troveranno lavoro.  Sul rapporto con le istituzioni, faremo  la nostra parte. Il Csc l’ha fatta molte volte, nel corso della sua  lunga  storia: noi siamo  una sua  costola, lavoreremo perché lo scheletro sia sano  e robusto. In modo omeopatico, ma energico».

Potrebbe interessarti

Gabriel Cash e Antonio Chiaramonte a Venezia 2020. Foto di Numa Echos

Gabriel Cash dopo il premio a Venezia, un nuovo film in Puglia

Gabriel Cash, il produttore Antonio Chiaramonte e l’intero staff del film “Io ho denunciato” hanno …

Claudia Conte. Foto dal Web

Women in Cinema Award: l’Accademia Italiana Arte Moda Design ospite a Venezia77

Arrica insieme con la prima edizione del WiCA – Women in Cinema Award alla Mostra …

Donne e Donne

Donne e donne: il film sul femminicidio a Venezia

Mentre si aspetta l’uscita al cinema di Donne e donne, che sarà in programmazione dal …

Lascia un commento