Ribut
La copertina di Ribut

Ribut: tra poesie e prose

Parliamo di una piccola rivoluzione letteraria, Ribut, una originalissima miscellanea di poesie e prose (accompagnate da illustrazioni e musiche), che insieme formano un manifesto generazionale ricco di sfumature. Ve lo raccontiamo oggi per la nostra rubrica “Libri e Scrittori“.

Il libro, edito da Guida Editori, è un progetto corale in cui gli autori Marcello Affuso, Maria Laura Amendola, Lucia Maritato e Manuel Torre, insieme all’illustratrice Federica Dias e al cantante Achille Campanile, si sono uniti con i propri mezzi artistici per reinterpretare le questioni sociali ed emozionali della generazione odierna, a partire dalle opere letterarie del passato e del presente, da Saffo ad Alda Merini, passando per Montale e Ungaretti.

Un’operazione di riscrittura coraggiosa e inedita, questa, un unicum nel panorama letterario mondiale, poiché si tratta del primo “reboot” letterario mai pubblicato. Il titolo infatti, è una trascrizione fonetica di “reboot”.

Il libro è disponibile di seguito:

Le dichiarazioni

Su Ribut si esprime Marcello Affuso: “Ribut è la nostra risposta ad una domanda estremamente complessa. “Si può riscrivere la letteratura? Possiamo dare forma, sentori, sfumature e lessico nuovo alle grandi poesie del passato? Noi pensiamo di sí. Ribut è quindi un primo e coraggioso tentativo di ‘reboot letterario’. Da Saffo a Louise Glück, passando per Saba, Montale e Ungaretti, sono 41 i testi su cui io e questo incredibile gruppo di giovani artisti abbiamo lavorato per forgiare liriche in cui non mancano riferimenti a problematiche e interrogativi d’attualità, come il lockdown, le morti bianche, la violenza sulle donne, la trans-omofobia, la guerra in Ucraina e il caso Cucchi. Ad arricchire l’esperienza, le illustrazioni di Federica Dias e le suggestioni sonore di Achille Campanile (inserite nel volume attraverso QR code). È tentativo di avvicinare la poesia alle persone e le persone alla poesia. È dimostrazione di ciò che questa afona e bistrattata generazione poetica può dare. È inno alla bellezza e alla fluidità della parola“.

Ribut

Racchiude parole, illustrazioni e musiche, che disegnano armonicamente un percorso variopinto capace di coinvolgere i giovani lettori, che avranno la possibilità di rispecchiarsi in testi che raccontano in maniera lucida le sfumature della realtà attuale.

Dalle scelte tematiche di tipo politico, sociale, emozionale alle scelte lessicali talvolta crude e taglienti, Ribut è un inno di speranza e fiducia nel presente e nel futuro. E, non a caso, nella copertina del libro spicca la figura significativa della ginestra, simbolo leopardiano di resistenza di fronte alle difficoltà e all’inesorabile destino e che rappresenta a pieno la capacità di permanere, nonostante gli impedimenti del tempo.

Il ricavato delle vendite verrà devoluto all’associazione di promozione sociale Patatrac, che sostiene iniziative nel campo dell’educazione non formale e della progettazione sociale, con particolare riguardo alle tematiche relative alla promozione umana e civile.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Grandi a confronto. Il filo invisibile delle idee, di Agostino Russo

Grandi a confronto, di Agostino Russo

Incontriamo oggi Agostino Russo, appassionato di filosofia che ci racconta il libro: "Grandi a confronto. Il filo invisibile delle idee".

Una famiglia allargata cane compreso, di Marianna Scagliola

Una famiglia allargata cane compreso, di Marianna Scagliola

Parliamo del primo romanzo intitolato: "Una famiglia allargata, cane compreso" della scrittrice Marianna Scagliola, edito da Graus.

Simona Bianchera con il suo Riflessioni per nascere

Riflessioni per rinascere, di Simona Bianchera

Ospite la scrittrice chiavarese Simona Bianchera, che ci presenta il suo ultimo libro, dal titolo: "Riflessioni per rinascere"

Lascia un commento