Paolo Ruffini

Paolo Ruffini contro la violenza sulle donne

Un libro per parlare di donne, ecco Paolo Ruffini

Paolo Ruffini dice NO alla violenza sulle donne e lo fa proprio venerdì 25 novembre, in occasione della giornata internazionale dedicata a questa importante tematica di stretta attualità.

Paolo Ruffini

Location scelta a partire dalle ore 18.30 e sino alle 20.00 circa in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, nella piazza interna della galleria commerciale Parco Dora a Torino, dove avrà luogo una sfilata di moda dove a sfilare in passerella saranno donne comuni.

L’evento è organizzato in collaborazione con ‘Federeventi Piemonte’. La manifestazione sarà presentata da Vito Gioia, dal noto conduttore radiotelevisivo Wlady Tallini e da Barbara Morris. Ospite d’eccezione Paolo Ruffini che interverrà nella conduzione della sfilata e presenterà il suo ultimo libro “Telefona quando arrivi”, firmando le copie ai fans presenti per l’occasione.

Gli abiti sono gentilmente concessi da due punti vendita di quartiere per incentivare il commercio locale, per una sinergia tra la grande distribuzione e le attività commerciali del territorio. Sul palcoscenico anche una giovane cantante emergente torinese, Valentina Tesio, che interpreterà il suo brano inedito “Violenza No”.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il borgo di Castelfalfi

Castelfalfi: la poesia in un borgo sotto le stelle

Una notte piena di stelle a Castelfalfi, dove unendo arte e vino arriva la nuova edizione di Calici di Stelle, con Elisabetta Rogai.

La coppa del mondo per i Mondiali Qatar 2022. Foto dal Web unspash

Mondiali Qatar 2022: tutto quello che c’è da sapere

Le nazionali di Australia e Costa Rica sono due Paesi agli antipodi ma hanno una cosa in comune: accedere ai Mondiali di Qatar 2022.

Pop Orchestra Fantasy presenta Orchestra Artemus

Pop Orchestra Fantasy sbarca a Pompei

L’Orchestra Artemus con Pop Orchestra Fantasy sabato 6 Agosto farà un excursus nella musica pop a cominciare dagli anni ‘60.

Lascia un commento