Vincenzo Salemme

Vincenzo Salemme incontra il pubblico de “La Perla”

Vincenzo Salemme

In occasione della presentazione del film “…E fuori nevica!”, l’attore e regista Vincenzo Salemme sarà ospite del Cinema La Perla di Napoli, incontrando gli spettatori della rassegna “Cinema & Club” martedì 24 febbraio 2015, alle ore 17.30.

Vincenzo Salemme si è diplomato presso il Liceo Classico Umberto I di Napoli, per poi iscriversi alla Facoltà di Lettere e Filosofia presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 1976 venne scritturato dalla Compagnia Teatrale di Tato Russo e debuttò come attore nella commedia Ballata e morte di un capitano del popolo, tratta da un romanzo di Luigi Compagnone. Nel 1977 si trasferì a Roma ed entrò a far parte della compagnia di Eduardo De Filippo. Con la compagnia di De Filippo partecipò a Quei figuri di tanti anni fa (come comparsa), Il cilindro e Il sindaco del rione Sanità che furono poi trasmesse da Rai Uno tra il 1978 e il 1979. La collaborazione con la Compagnia di Eduardo De Filippo continuò fino al 1984 (anno della morte di Eduardo) e proseguì con il figlio, Luca De Filippo, fino al 1992. Vincenzo Salemme oltre ad essere un attore teatrale ha recitato anche in alcuni film. Il suo esordio come attore avviene negli anni ottanta, quando il regista Nanni Moretti gli affida ruoli nei film Sogni d’oro, Bianca e La messa è finita. Nel 1989 partecipa al film C’è posto per tutti, per la regia di Giancarlo Planta. Altri film in cui ha recitato sono Isotta di Maurizio Fiume, Il tuffo di Massimo Martella, Baciami piccina di Roberto Cimpanelli, Olé di Carlo Vanzina, Ex di Fausto Brizzi, il kolossal Baarìa di Giuseppe Tornatore, La vita è una cosa meravigliosa di Carlo Vanzina ed A Natale mi sposo di Paolo Costella. Nel 1998 esce il primo film da lui diretto, L’amico del cuore. La pellicola, uscita nelle sale cinematografiche nel dicembre 1998, ottiene molto successo, incassando dieci miliardi di lire. Altri film diretti da lui sono Amore a prima vista (1999), A ruota libera (2000), Volesse il cielo! (2002), Ho visto le stelle! (2003), Cose da pazzi (2005), SMS – Sotto mentite spoglie (2007) e No Problem (2008). Famose sono molte sue commedie teatrali: “…e fuori nevica”, “Passerotti o pipistrelli?”, “Premiata pasticceria Bellavista”, “Faccio a pezzi il teatro”, “Lo strano caso di Felice C.”, “Bello di papà”. Dopo un record di incassi in giro per l’Italia con il suo nuovo spettacolo “L’astice al veleno”, l’anno successivo lo ripropone. È stato anche protagonista di due show televisivi, Famiglia Salemme Show (2006) e Da Nord a Sud… e ho detto tutto! (2009), entrambi andati in onda su Raiuno. È membro Onorario del Comitato Scientifico d’Onore della Fondazione Rachelina Ambrosini. Nel 2014 ritorna alla regia con …e fuori nevica! e nello stesso anno prende parte al film di Natale Ma tu di che segno 6? con Massimo Boldi e Gigi Proietti per la regia di Neri Parenti.
Dalle note di produzione di Vincenzo Salemme sul film “…E fuori nevica!”:
Ho scritto “…E fuori nevica!” in forma di commedia teatrale nel 1994. Sono passati esattamente venti anni. E allora mi sono detto:” come posso festeggiare al meglio questo anniversario? E mi è venuta voglia di farne un film. Ovviamente quello del compleanno non è il motivo principale che mi ha portato alla scelta di trasformare in racconto cinematografico quello che è stato il mio primo vero successo teatrale a livello nazionale. Ho riflettuto innanzitutto sulla potenzialità cinematografica del testo. Il teatro è molto diverso dal cinema lo sappiamo tutti. Quello che importava in questo caso era la capacità del testo di “espandersi”, di “aprirsi”, di allargare il proprio orizzonte narrativo. “…E fuori nevica!” parla di famiglia, di disabilità, di tolleranza, di affetto, di amore fraterno… e questi sono temi universali, che arrivano al cuore di tutti. Questo film credo abbia la forza per raggiungere un pubblico trasversale sia dal punto di vista geografico che sociale che generazionale che culturale. Ma soprattutto “…E fuori nevica!” fa ridere! E fa ridere senza cattiveria pur mostrando i sentimenti più nascosti dell’animo umano, pur scoperchiando gli altarini delle ipocrisie familiari. Il personaggio di Cico, quello che scatena con la sua diversità mentale tutte le reazioni, tutti gli imbarazzi dei cosidetti “normali”, è un finto emarginato, una finta vittima. È un uomo che ha capito quanto finto buonismo si nasconde anche nei gesti più affettuosi dei fratelli.
Questa commedia ha appassionato il pubblico sin dalla sua prima replica teatrale. Ha avuti gli stessi ampi consensi sia a Napoli che a Roma che a Milano. Tante famiglie si sono in qualche modo riconosciute nel racconto di questi tre fratelli che perdono la mamma e sono costretti finalmente a fare i conti con la vita reale, la vita fatta di responsabilità e di condivisioni. Spicca su tutta la vicenda la decisione della mamma di lasciare a questi tre figli, questi tre eterni immaturi, una casa in eredità. Con l’obbligo, se vorranno usufruirne, di restare uniti per sempre. Estremo tentativo di salvaguardare quel figlio più indifeso, Cico? o per far rientrare lo scapestrato Enzo dal suo girovagare inutile alla ricerca del successo artistico che mai arriverà? o per vedere finalmente felice il figlio Stefano sempre in bilico tra l’amore e la depressione? L’ultima volta che abbiamo portato in scena la commedia è stato nel 2000. Mi sembra arrivato il momento di rinfrescare il ricordo di chi l’ha vista in quegli anni. Era il momento giusto di dare ascolto alle continue richieste di tutte quelle persone che in questi anni mi hanno espresso il desiderio di rivederla. La commedia andò anche in tv nel 1995 nella primissima edizione di “Palcoscenico” il programma di diffusione teatrale creato dal compianto Bagnasco. Ed anche in quel caso ebbe un ottimo ascolto. Ed eravamo attori totalmente sconosciuti. Fu il primo film “L’amico del cuore” che ci diede una certa fama. Andò molto bene al botteghino ma soprattutto piacque e fece ridere il pubblico. E i nomi di Buccirosso, di Paone, di Casagrande ed il mio cominciarono a circolare con maggiore frequenza. Poi seguirono altri successi al cinema e al teatro. Ma nel 2000 ognuno di questi bravissimi attori che ho sopra citato prese la sua strada. Ognuno alla ricerca del proprio sacrosanto successo. Questo film mi è sembrata l’occasione giusta per rimettere insieme, dopo tanti anni, questo gruppo di attori. E questa commedia che parla appunto di una famiglia che torna a stare insieme mi sembrava la scelta più giusta. Ed infatti quando l’ho proposta a Carlo, Nando e Maurizio hanno aderito senza un attimo di
esitazione. Anche per loro questo film è stato come un “ritorno a casa”. Forse per questo abbiamo lavorato con un ritmo fantastico. Come se non ci fossimo mai separati. E sappiamo tutti che l’affiatamento tra gli attori, sopratutto in una commedia, è un aspetto fondamentale per il buon esito della stessa. Di conseguenza non abbiamo sprecato nemmeno un minuto per girare il film. Sembrava perfettamente oliato. Siamo andati “ad occhi chiusi” fermandoci solo quando ci scappava da ridere (maggiore responsabile proprio il sottoscritto ahime’!). e ci siamo divertiti molto. Come credo possa divertirsi il pubblico con questo film solare ed anche commovente, di quella commozione allegra che ti sanno dare solo i grandi sentimenti. Sono davvero felice di avere realizzato questo film e sono felice di poter mostrare al pubblico un prodotto ben confezionato e soprattutto ben recitato. Questa è la mia ambizione quando faccio una commedia o un film. Vorrei che andasse bene al botteghino per continuare su questa strada che mi è più congeniale, quella della commedia comica che nasce dai piccoli e grandi drammi dell’uomo moderno.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

La locandina di Tenet Nunc Parthenope

Alessandro Cecchi Paone nel cast di Tenet Nunc Parthenope

E' in post-produzione Tenet Nunc Parthenope – Napoli esoterica, documentario che vede nel cast Alessandro Cecchi Paone.

Nina Pons

Nina Pons: la capacità di rimanere fedeli ad un sogno

"La seconda via", ad opera di Alessandro Garilli, è il film che vede tra i protagonisti l'attrice Nina Pons, che si racconta.

Titanic 3D al cinema

Titanic 3D, uscita e dove vederlo

Senza dubbio, la notizia sensazionale è il ritorno nelle sale cinematografiche di Titanic 3D di James Cameron con Di Caprio.