Nada nel 1972. Foto dal Web
Nada nel 1972. Foto dal Web

Successo per “La bambina che non voleva cantare”

Ottimi risultati per la fiction “La bambina che non voleva cantare”, la biopic di Nada Malanima con Tecla Insolia e Carolina Crescentini, che raccoglie 5.582.000 spettatori netti per il 23.2% di share su Rai 1 in prima serata.

Nada nel 1972. Foto dal Web
Nada nel 1972. Foto dal Web

La fiction si è ispirata al romanzo autobiografico dal titolo “Il mio cuore umano”, scritto dalla stessa artista toscana qualche anno fa e che ha attirato l’attenzione della regista Costanza Quadriglio.

A quanto pare Nada, soprannominata il pulcino di Gabbro, da piccola non aveva nessuna intenzione di cantare ed ovviamente non credeva minimamente che il brano “Ma che freddo fa”, intonato a soli 16 anni al Festival di Sanremo, le avrebbe portato fama e notorietà.

A 18 anni, in duetto con Nicola Di Bari, consacrerà un altro successo con “Il cuore è uno zingaro”, per poi conquistare il terzo posto del podio, nel 1972, con il brano “Re di denari”.

I successi musicali di Nada sono tantissmi tra questi ricordiamo: “Ti stringerò”, “Amore disperato”, ” Guardami negli occhi” e molti altri.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Claudia Vismara

Claudia Vismara: fra i miei sogni, vincere l’Oscar

Claudia Vismara, attrice eclettica, dotata di una "grazia artistica" a tutto tondo ci racconta il suo "Un medico in famiglia".

Stefano De Martino ed Andrea Delogu presentano TIM Summer Hits

TIM Summer Hits: gli ospiti del Best of

Tutto pronto per il best of di TIM Summer Hits, lo show musicale di Rai 2 condotto da Andrea Delogu e Stefano De Martino.

Valentino Giansana

Valentino Giansana: volevo fare l’infermiere ma poi ho scoperto il cinema

Valentino Giansana, fra i protagonisti de "Il paradiso delle signore", aveva il sogno di fare l'infermiere, ha scoperto poi la recitazione.

Lascia un commento