Home > Televisione e Web > La vita promessa: nuova fiction Rai

La vita promessa: nuova fiction Rai

La vita promessa è la serie TV del regista Ricky Tognazzi che da Settembre andrà in onda per 4 puntate su Rai 1, la cui protagonista è la bella Luisa Ranieri, che vestirà i panni di Carmela Carrizzo, donna combattiva e mamma coraggio pronta a lasciare l’Italia per cercare serenità e fortuna per se e per i suoi 5 figli a New York.

Foto di scena da La Vita Promessa
Foto di scena da La Vita Promessa

L’atmosfera de La vita promessa è quella degli anni tra il 1920 e il 1930, anni durante i quali la famiglia di siciliani si trasferisce nella New York del proibizionismo.

Carmela in seguito all’uccisione del marito per mano di Spanò che la vuole ad ogni costo, decide di vendere tutto, di abbandonare la propria terra, ovvero la Sicilia, e partire con i suoi cinque figli per  Napoli, da dove attenderà di salire sul piroscafo per l’America.

A New York la vita di Carmela non sarà per nulla semplice, dovrà affrontare difficoltà, delusioni e pericoli: Pachino, il nuovo marito sposato per procura la scorterà a conoscere il lato oscuro della grande metropoli dove spesso delle bande di criminali ricattano le persone oneste e disperate per conto della “Mano Nera”.

Anche i figli di Carmela vivono il disagio della nuova condizione e cercano in tutti i modi di prevalere ed assurgere ad una posizione sociale di rilievo anche nel crimine.

Carmela conoscerà poi Rosa, una prostituta siciliana alla quale farà sposare per procura il figlio ritardato, destinando a Rosa un inganno che la porterà a vivere esperienze amare.

La vita promessa nasce un’idea di Laura Toscano, mentre la revisione della sceneggiatura è di Simona Izzo, coprodotta da Rai Fiction e Picomedia la fiction si avvale di un grande cast: oltre a Luisa Ranieri, ci sono anche Francesco Arca, Thomas TrabacchiMiriam DalmazioPrimo ReggianiCristiano Caccamo e Lina Sastri.

Il mesaggio che Ricky Tognazzi ha voluto mandare attraverso la storia di Carmela è che “anche noi italiani siamo stati migranti e spesso, in questo momento così drammatico, ci dimentichiamo che dai primi del ‘900 abbiamo viaggiato e ‘conquistato’ le Americhe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.