Figli, mariti, amanti il maschio superfluo

Simona Izzo e Ricky Tognazzi al Cilea

Figli, mariti, amanti il maschio superfluo

Izzo e Tognazzi per le risate a crepapelle con “Figli, mariti, amanti…il maschio superfluo”

E’ Napoli la prima città a dare il via alla tournée nazionale dello spettacolo della coppia Izzo – Tognazzi, in scena al Teatro Cilea con il divertentissimo spettacolo “Figli, mariti, amanti…il maschio superfluo” . Quattro le date da non perdere, dal 28 al 31 gennaio, per ridere, riflettere e immedesimarsi nelle varie figure che compongono una “ coppia”.

La pièce scritta da Simona Izzo e diretta da Ricky Tognazzi vede sul palco Giuseppe Manfridi e Kiara Tomaselli, le scene di Massimo Bellando Randone, i costumi di Moris Verdiani e le musiche di Bentmont.

Figli, mariti, amanti…il maschio superfluo

“In trent’anni di attività ho firmato la regia di circa trenta film e di una sola commedia, mentre di altre sono stato interprete. Da David Rabe a Stefan Berkoff, ho sempre prediletto testi di drammaturgia contemporanea, per lo più di ascendenza anglosassone (unica eccezione, ‘Art’ di Yasmine Reza). Comprensibile, visto che una parte di me è in quel mondo che affonda le sue radici, sia anagrafiche che culturali.

Ha senso ricordarlo al momento in cui affronto il mio primo copione di autore italiano. Anzi, di autrice. Anzi, di Simona. Sicché, della persona che più di ogni altra è mescolata al mio universo creativo in un febbrile rapporto di reciproche sollecitazioni (da trent’anni, in perfetta consonanza col mio curriculum professionale!). Ma a prescindere da questo, “Figli, mariti, amanti” ha molti tratti affini ai titoli con cui già mi sono confrontato. Innanzitutto, la straripante forza ritmica, l’esuberanza di dialoghi, l’incalzante capacità che hanno le battute di mordersi l’un l’altra.
A questo pensavo mentre Simona mi leggeva la prima versione del testo, nata di getto. La cosa merita di essere sottolineata poiché già racconta molto della commedia, che ha il suo marchio più vitale proprio in una verbalità magmatica, a tutto tondo. Tonificante e tossica al tempo stesso. Voci che si intrecciano le une alle altre maturando relazioni, caratteri, personaggi e, infine, una storia. Tant’è che il lungo lavoro successivo di revisione, le innumerevoli limature e correzioni, non hanno affatto stemperato questo tratto di irruenza originario. Semmai, lo hanno affinato al massimo grado.

Dalle voci in collisione mi è stato facile immaginare lo scaturire, con prepotenza comica, di corpi, di fisionomie e di situazioni. Mi è stato anche facile intuire il calco reale di tante circostanze e di talune battute, come il tic di un amico o la fragilità di un altro. Le fonti umane, insomma; le persone che precedono i personaggi. Ma si sa: così si scrive, così si crea. Importante è che poi il testo sappia far dimenticare i suggerimenti della realtà e assumere carattere autonomo, offrendosi allo spettatore come un racconto in cui riconoscersi e immedesimarsi.
La nostra storia, che si snoda in presa diretta come fosse un lungo piano sequenza, inizia di sera e prosegue con l’avanzare della notte all’interno di un sofisticato loft destinato a trasformarsi da dimora accogliente in territorio di scontri e riconciliazioni.

Una coppia, addestrata a battibecchi resi ormai innocui da una consolidata tradizione di schermaglie domestiche, subisce l’intromissione proditoria di una seconda coppia composta da una vecchio amico in perenne stato di necessità e da una sua recente e assai più giovane compagna. I due trascineranno a casa dei primi l’onda lunga di una litigata furibonda e impietosa che getterà anche costoro in un rutilante vortice di rinfacci senza esclusione di colpi dando corpo alla messa in campo di un alterco assoluto, denso di colpi di scena e tessuto da battute fulminanti. D’altronde, quando si è in presenza di un contenzioso ad alta temperatura, gli esseri umani, per difendersi, sanno affilare le armi verbali al punto che, nel pathos del momento, si rivelano addirittura capaci di comporre endecasillabi perfetti.

Due relazioni – una coniugale, l’altra estemporanea – si fonderanno, dunque, in una girandola di malintesi e permalosità sino a ricomporre il paesaggio di una nuova armonia. Se più forte o più precaria della precedente è materia offerta alla discussione.
In quanto al Maschio Superfluo, cui si accenna nel sottotitolo, spero di non essere Io.”

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Ettore Nicoletti

Ettore Nicoletti: parto con Dreamscapes

Ettore Nicoletti, attore di cinema e teatro, ci racconta dell'uscita nel prossimo settembre di DreamScapes, il podcast.

Teatro Bracco - Stagione Teatrale 2022-23

Teatro Bracco: stagione teatrale 2022/23

Caterina De Santis sul Teatro Bracco: "torniamo a ridere insieme!" Ecco la stagione teatrale 2022/23 con gli spettacoli.

Giorgio Lupano. Foto di Alessandro Rabboni

Giorgio Lupano: ho ancora voglia di mettermi alla prova

Un attore di spessore, Giorgio Lupano, che negli anni abbiamo visto avvicendarsi in ruoli sempre diversi e che si racconta a noi.

Lascia un commento