Silvia Nobili - Una polpetta per amica
Silvia Nobili, blogger di Una polpetta per amica. Foto da Ufficio Stampa.

Silvia Nobili e Una Polpetta per amica

A tu per tu con Silvia Nobili

Una chiacchierata con Silvia Nobili, (quasi) ventenne con un dolce obiettivo nella vita: migliorare la società… semplicemente con un sorriso! Il suo canale “Una polpetta per amica” è  uno dei più seguiti in rete, ed il motto del Talent della Greater Fool è: credere in se stessi.

Silvia Nobili - Una polpetta per amica
Silvia Nobili, blogger di Una polpetta per amica. Foto da Ufficio Stampa.

Com’è nata la tua passione per il web e la creazione di “Una polpetta per amica”?

La mia passione per il mondo del web è nata alle elementari, quando adoravo il film Camp Rock e pubblicavo cover delle canzoni di Demi Lovato nel mio primo canale, nella speranza di poter diventare una cantante, come lei. Ho avuto vari canali, ma, per via dei giudizi altrui e delle critiche che ricevevo, prima di “Una polpetta per amica” oscuravo il mio viso perché volevo che il pubblico si limitasse ad ascoltare la mia voce, anziché criticare il mio aspetto esteriore. Il mio attuale canale, invece, rappresenta la mia vera rinascita: sono più estroversa, non mi curo più del parere delle persone, esprimo ogni mio singolo parere o pensiero e parlo delle mie esperienze perché voglio essere la pacca sulla spalla di chi mi segue ma non crede in se stesso, voglio essere quel “Se lei ce l’ha fatta, posso farcela anch’io”.

Perché la scelta di questo nome?

Il nome “Una polpetta per amica” deriva dal fatto che, quando ero più piccola e qualcuno mi chiedeva cosa volessi fare da grande, io rispondevo che un giorno sarei diventata l’amica di tutti, avrei ascoltato i problemi degli altri e, pur non sapendo in che modo, avrei stravolto il mondo. Ad oggi sono cresciuta, mi sento come se fossi un’amica per le persone che mi ascoltano, ma allo stesso tempo sono rimasta la solita “polpetta”: mia madre mi chiamava così da bambina, in senso affettivo, perché pur essendo cicciottella ero sempre divertente e autoironica. Credo di essere cresciuta tanto e tanto in fretta, ma allo stesso tempo sono fermamente convinta del fatto che la bambina che è in me, la polpetta di mamma, non mi abbandonerà mai.

Leggiamo nella presentazione del tuo blog che il tuo intento è quello di “contrastare gli assurdi canoni sociali che esistono oggi, ma che spero saranno dimenticati domani.”. Quali sono i consigli che dai a chi ti segue?

Penso che l’unione faccia la forza e che tutti noi ragazzi, anche con l’aiuto degli altri youtubers e di altri giovani che vogliono impegnarsi nel sociale, possiamo migliorare il mondo. Questa società non mi piace perché si basa su una massa di persone che sarebbero disposte a fare di tutto pur di sentirsi onnipotenti, persone che bullizzano e basano la loro vita su principi come l’odio e la violenza. Il consiglio che posso dare a chi mi segue e a chi magari capita di guardare qualche mio video per sbaglio, è quello di essere sempre se stesso e di non lasciarsi influenzare dalle manie di protagonismo e di perfezionismo che caratterizzano questa triste società. Ogni obiettivo può essere raggiunto, l’importante è che sia dettato dalla nostra testa e non da quella di chi ci vuole male!

Quali sono tre aggettivi che useresti per descriverti?

Empatica, sognatrice, anticonformista.

Un tuo pregio e un tuo difetto?

Un mio pregio è il saper ascoltare, ma il mio più grande difetto è il fatto che non sono per niente paziente e perciò, molto spesso, mi faccio prendere dall’ansia.

Puoi anticiparci qualcosa sui tuoi prossimi video?

Nei prossimi mesi il mio canale varierà molto: ho intenzione di portare diversi contenuti, esperienze personali, esperienze di chi mi segue e in particolare ci terrei a raccontare una storia importante che riguarda la mia nascita e mia madre in sua compagnia. Inoltre vorrei ricominciare a cantare e vorrei portare nel canale una specie di “esperimento sociale” che riguarderà i miei denti larghi, ma non posso entrare nel dettaglio perché odio gli spoiler ed odio spoilerare!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Amo scrivere ed amo il cinema, perciò a settembre farò il test d’ingresso per studiare cinema all’Accademia delle Belle Arti. Mi auguro che gli studi mi aiutino a realizzare i miei sogni legati alla regia e alla sceneggiatura, un giorno vorrei poter scrivere un film tutto mio. Allo stesso tempo mi auguro di ricominciare a cantare e a pubblicare cover, magari riuscirò a sconfiggere l’ansia e canterò davanti a tante persone! Oltre ciò, so per certo che continuerò a portare avanti il mio lavoro su YouTube e nel mio nuovo sito web, dove voglio far spazio a chi si sente inadatto a causa di qualche imperfezione: non so come né quando, ma un giorno riuscirò a cambiare questa realtà distorta secondo cui tutti siamo troppo magri, troppo grassi, troppo brutti, troppo bassi… qualsiasi cosa farò in futuro, vorrò continuare a dare voce a chi non si sente mai abbastanza in questa società.

Autore: Maria Rita Marigliani

Giornalista Pubblicista, Ufficio Stampa e Social Media Manager. La comunicazione rappresenta, da sempre, un’opportunità di evoluzione e crescita necessaria per me e per la conoscenza degli altri.

Potrebbe interessarti

Rebi - Cover di La mia destinazione

La mia Destinazione, primo singolo per Rebi

Arriva il primo singolo di Rebi “La mia destinazione”, brano reggaeton con sfumature orientali che parla d'amore.

Marghet - La cover di Testa Cuore

Marghet, Testa Cuore è il primo Ep

“Testa Cuore” è il primo Ep della cantautrice Marghet, composto da 6 brani e racchiude le vicende amorose della cantautrice

RPWL. La cover di Crime Scene

RPWL: Victim of Desire in stile “crime”

Gli RPWL hanno lanciato da qualche giorno il loro nuovo singolo, il riuscitissimo Victim of Desire, correlato da un video in stile crime

Lascia un commento