L'Italia agli Oscar, racconto di un cronista

L’Italia agli Oscar, racconto di un cronista, di Vincenzo Mollica

Arriva in libreria l’8 ottobre il nuovo libro del giornalista Vincenzo Mollica dedicato alla storia del Premio Oscar, visto dagli italiani.

Il titolo “L’Italia agli Oscar, racconto di un cronista“, fa già pensare ai tanti italiani che hanno vinto la prestigiosa statuetta. Nel viaggio dell’autore tra America e Italia oltre Sophia Loren, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Federico Fellini, Ennio Morricone, Roberto Benigni, Paolo Sorrentino, Gabriele Salvatores, tanti racconti ma anche tanti scatti fotografici.

L'Italia agli Oscar, racconto di un cronista

Le dichiarazioni

“Che cosa sono gli Oscar? Forse il paragone che rende meglio l’idea della loro importanza è di tipo liturgico. Il premio Oscar, a mio avviso, è l’altare maggiore di quella immensa cattedrale che è il cinema. Tutte le cattedrali, come sappiamo hanno tante navate, tanti altari minori, ma l’altare maggiore è quello sul quale si svolge la messa più importante, quella cantata, quella delle grandi occasioni. Ed è una messa sempre uguale e sempre lo sarà, nei secoli dei secoli. Io ci sono andato più di trenta volte e la liturgia è sempre stata la stessa. Quelli che prenderanno la statuetta entreranno nell’eternità, una sorta di paradiso del cinema. Quelli che devono accontentarsi della nomination sono in una specie di purgatorio”.

Aggiunge Steve Della Casa: “La storia del cinema italiano è anche la storia del suo continuo confronto con il cinema americano. Non è un caso se la library del prodotto statunitense e quella del prodotto italiano siano in assoluto quelle che hanno il più alto valore commerciale e che hanno prodotto il maggior numero di capolavori nella storia del cinema. Il rapporto tra Roma e Hollywood è stato da sempre segnato dall’emulazione, dalla concorrenza ma anche dalla reciproca passione e da un rispetto che è ben testimoniato dall’accoglienza che i prodotti hanno ricevuto nei mercati dell’altro paese”.

Gli autori

Vincenzo Mollica è inviato del TG1, si considera un cronista impressionista e impressionabile perchè è al TG1 dal 1980.

Steve Della Casa dal 1994 racconta a “Hollywood Party” su Radio Rai 3 i grandi del cinema. Incidentalmente scrive anche libri e dirige documentari.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Non mi ricordo una mazza, di Gianni Mazza

Non mi ricordo una Mazza, di Gianni Mazza

Una vita in musica e televisione per il maestro Gianni Mazza che in questo periodo presenta il suo libro, "Non mi ricordo una Mazza".

Ian Giovanni Soscara

Se lo sapesse Jung, di Ian Giovanni Soscara

Parliamo di Ian Giovanni Soscara e del viaggio alla ricerca dell’anima nel libro "Se lo sapesse Jung" di cui ci racconta.

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Uscito a novembre, "Verità fai-da-te Il pensiero critico argine alla disinformazione" è il nuovo libro di Aldo Mantineo.

Lascia un commento