Home > Libri, Letteratura e Scrittori > L’amore migliora la vita, di Angelo Longoni

L’amore migliora la vita, di Angelo Longoni

Esce il 30 maggio il romanzo L’amore migliora la vita, scritto dal drammaturgo, regista e narratore Angelo Longoni. Pubblicato dalla casa editrice Giunti, L’amore migliora la vita vuole raccontare i sentimenti con profondità e verità.

L'amore migliora la vita, di Angelo Longoni

Spesso le scelte legate alla nostra vita affettiva diventano spesso causa di meschinità e incomprensioni generate dall’ottusità di coloro che, attribuendo alle proprie convinzioni una verità assoluta, si oppongono alla molteplice vastità di idee e prerogative dell’essere umano.

”L’amore migliora la vita” descrive e racconta quella necessità e quel bisogno di comprendere se stessi e le persone che più dovremmo amare.

“Quello che si dice sull’amore è vero,  l’amore migliora la vita, anche quando è un amore imperfetto. Del resto che altro può essere l’amore,  visto che ognuno è imperfetto a proprio modo?”, scrive così Angelo Longoni nel suo libro perchè questo è un romanzo che racconta le miserie quotidiane che ognuno vive, le imperfezioni umane delle persone che ci circondano e che inevitabilmente amiamo.

Al centro del romanzo, troviamo due coppie di genitori si ritrovano per discutere di un problema che riguarda i propri figli maschi appena divenuti maggiorenni. All’inizio della conversazione, i quattro genitori appaiono molto civili e dimostrano di avere a cuore solo il bene dei propri ragazzi ma, quando si inizia a discutere della loro omosessualità e della loro volontà di vivere apertamente quel loro amore, le cose si complicano.

In un attimo, quelle madri e quei padri mostrano e portano in luce tutta la loro fragilità morale. In ognuno di loro troviamo difetti e imperfezioni: diventano violenti, paurosi, meschini. Basta improvvisamente poco per far emergere anche le loro difficoltà di coppia e le loro frustrazioni. Sono tutti inadeguati ad affrontare seriamente il proprio ruolo di genitori.

Ma se questi adulti si comportano male e diventano un mare in tempesta, anche i giovani figli non risparmiano difetti e imperfezioni. Quando i genitori sono a cena, i due ragazzi vivono una situazione nella quale l’aggressività verbale dei loro coetanei diventa una vera e propria violenza fisica. Picchiare un omosessuale, uno straniero o un diverso non è così tanto diverso dal parlarne con parole di disprezzo e di derisione. Come contraltare della comicità che ridicolizza i genitori, la storia dei due giovani è carica  di pericolo. Un innocuo diverbio su un campo sportivo si trasforma in un’azione violenta che ha come sfondo l’omofobia. Tutto ciò riporterà le famiglie a guardarsi dentro, per poi riconsiderare ogni aspetto della loro vita e del loro amore.

Potrebbe interessarti

Napoli incontra il Mondo

Napoli incontra il mondo 2018

Presentata ufficialmente l’edizione 2018 di Napoli incontra il mondo. Potrebbe essere questo lo slogan giusto …

Marina Abramović e Ulay, amore oltre l'arte

Marina Abramović e Ulay, amore oltre l’arte

Marina Abramović è un’artista montenegrina definitasi come la nonna della performance art:  il suo lavoro esplora le relazioni …

Angeli a Calatagèron di Lorenzo Chinnici

Angeli a Calatagèron di Lorenzo Chinnici

Parliamo oggi di Angeli a Calatagèron. Il ricordo dello spirito irrequieto del Caravaggio, che visse tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.