Rossella Cea
Rossella Cea

Rossella Cea: una pugliese in esposizione a Mosca

Approdano nella capitale russa le opere dell’artista barese Rossella Cea, fumettista molto apprezzata nel panorama dell’arte contemporanea. Per tutto il mese di marzo sarà dedicata a lei una Personale full immersion nella Galleria del Centro culturale Meridian a due passi dalla piazza Rossa. Le opere saranno proiettate su maxischermi per far vivere ai visitatori un’esperienza emozionale.

Spiccherà tra tutte, il suo omaggio al fumetto russo: un’interpretazione della famosa spia russa Nika Chaikina, detta Red Fury, amato personaggio della Bubble Comics. «All’inaugurazione parteciperanno personaggi famosi del mondo dell’arte, dello spettacolo e del cinema russo»”, commenta, la poliedrica artista, che è anche giornalista, scrittrice e traduttrice.

Rossella Cea
Rossella Cea

Intanto sono arrivate, numerose, le attestazioni di stima verso la Cea.

A partire da Vittorio Sgarbi che dice: “Non posso naturalmente giudicare le opere, però il fatto che un’ artista italiana partecipi ad una personale a Mosca dove la selezione è seria, denota importanza. E’ un fatto positivo per Bari, merita attenzione anche in chiave del dialogo con la Russia sulla scia di San Nicola».

Attestazioni di stima anche da parte di   Dino Caterini, direttore dell’ Università del fumetto Comics. «Complimenti alla collega, un evento di rilievo sia per lei che la città di Bari, sede di prestigio, quella di Mosca, dimostrazione che il fumetto specie in Italia è in crescita. Sono curioso di incontrarla  e conoscerla».

«Siamo orgogliosi che un talento barese possa avere successo  e valorizzare, nel mondo, la cultura e il fumetto. In bocca al lupo alla pittrice Rossella Cea»: commenta  l’assessore alla Cultura del Comune di Bari, Ines Pierucci.

Cosa racconta Nicola Bonasia, sindaco di Modugno, dove ha il suo atelier?

«Siamo felici  che un talento barese possa avere successo e valorizzare nel mondo la nostra cultura e quella della città. Dimostra che il dialogo con la Madre Russia è quanto mai avviato e profondo e queste iniziative lo rafforzano, segno di un interscambio continuo sulla scia del culto di San Nicola, legame antico e sempre nuovo. Fervidi auguri all’ artista che ho avuto il piacere e l’onore di conoscere. Pur essendo barese, visto che  ha qui la sede centrale del suo lavoro, porterà un poco di Modugno in Russia. Alla fine della mostra sarò lieto di incontrarla e dare lo spazio che merita».

La Catwoman di Rossella Cea
La Catwoman di Rossella Cea

Ma come nasce in Rossella Cea l’amore per il fumetto?

«Sin da piccola mi è sempre piaciuto disegnare –  ha  dichiarato Rossella Cea- lavoravo in una radio, quando venni notata da Peroni, il noto fumettista, papà di Calimero, scomparso alcuni anni fa. Lui mi invitò a frequentare la sua scuola a Como. Io stavo seguendo altre carriere che naturalmente ho continuato a sviluppare: il giornalismo, la scrittura, le traduzioni di libri. E ora eccomi a Mosca, grazie a una Galleria di Venezia con cui collaboro, questa mia personale è stata presentata per la prima volta nel 2019 a Potenza. Erano previste altre tappe, tutte annullate a causa della pandemia ».

Autore: Harry di Prisco

Nato a Napoli, Maturità Classica, Laureato in Giurisprudenza 110/110 e lode, iscritto all’Albo dei Giornalisti dal ‘73, socio GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica), specializzato in Enogastronomia, Viaggi, Turismo e Cultura, Ispettore On. Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze per Cinedecameron

Cinedecameron: il cinema per ricordare Boccaccio

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze grazie a Cinedecameron rivisitano, in un inedito cortometraggio Boccaccio.

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.

Lascia un commento