Musica durante una festa di matrimonio

Come scegliere la musica per il proprio matrimonio

In passato, organizzare un matrimonio richiedeva molti più adempimenti formali ed era difficile trovare “il coraggio” di rompere le regole e portare originalità nel proprio giorno speciale. Ad oggi, gli sposi si sentono più liberi di portare la propria personalità in ogni aspetto organizzativo della cerimonia, scegliendo ogni dettaglio anche con originalità.

Musica durante una festa di matrimonio

Anche per quanto riguarda la musica, ormai la scelta non è così scontata. Trovare una band per matrimoni che rispecchi in tutto e per tutto lo stile della cerimonia è molto importante, per garantire ai festeggiati di immergersi pienamente nella festa e di divertirsi in compagnia della coppia. Sicuramente, il primo passo da fare è quello di rivolgersi a dei professionisti del settore che offrono questo servizio, come Musiqua.

La musica per la cerimonia

Per la cerimonia, la scelta è più difficile in quanto non si può spaziare a seconda dei propri gusti ma è comunque indispensabile un certo rigore. In caso di celebrazione nella chiesa, si può scegliere un coro (a cappella o con degli strumenti) oppure dei musicisti senza voce. In ogni caso, i pezzi eseguiti sono quelli classici da chiesa, che scandiscono i momenti più significativi come l’ingresso della sposa, lo scambio delle fedi e l’uscita dei neosposi dalla chiesa. A volte, è possibile inserire anche alcuni pezzi musicali tra una lettura e l’altra, se il parroco ha tempo per consentire più pezzi.

La musica per il ricevimento

Riuscire a trovare una band che sia adatta sia alla funzione religiosa che al ricevimento non è facile. Il ricevimento, infatti, è una festa e come tale va vissuta, ci si può lasciare andare al divertimento e preferire stili musicali differenziati. Tuttavia, essendo un evento che dura diverse ore, è necessario non infastidire tutti gli invitati con una musica continua e martellante ma garantire un sottofondo con alcuni momenti prettamente dedicati all’intrattenimento ed al coinvolgimento dei presenti.

La musica swing o jazz è perfetta come sottofondo delle cerimonie più chic ed eleganti, che strizzano l’occhio alle serate di gala dei vip. Il carattere vintage di questo genere musicale, che spazia dagli anni’20 agli anni ’50, è un tocco davvero di classe sia durante la cena che nel dopocena stile lounge. Scegliendo una band per matrimonio jazz o swing, infatti, si può anche avere dell’intrattenimento per ballare e non solo una colonna sonora soft durante il pasto.

Una cover band live, è la scelta giusta per un matrimonio moderno e alla mano, poco impostato. Infatti, se si ama ballare e cantare tutti i successi del momento, coinvolgendo tutti gli invitati, questa è l’opzione giusta. Sarà difficile trovare chi non conosce o non apprezza gli ultimi successi alla radio oppure i pezzi iconici che hanno fatto la storia. Questa tipologia di band per matrimoni, dispone solitamente di un repertorio molto vasto ed aggiornato, e spesso è possibile richiedere dei pezzi particolari che sono la colonna sonora della propria storia d’amore.

La musica dopo il ricevimento

Alla fine del ricevimento, quando tutti hanno mangiato, è possibile scatenarsi in pista. A volte si opta per la musica proveniente da dispositivi tecnologici, oppure si sceglie un dj, tuttavia la maggior parte delle band per matrimoni offre anche il servizio di intrattenimento finale. Non tutti gli invitati sanno ballare e si trovano a loro agio a stare al centro, pertanto in questo caso, per la scelta dei pezzi, oltre a farsi consigliare dai professionisti ingaggiati bisogna considerare anche i partecipanti alla festa.

I balli di gruppo anni ’90-2000 forse sono quelli più conosciuti, ma in questo caso potrebbe essere indicato anche un animatore o un vocalist dalla personalità esuberante per far alzare tutti dal proprio tavolo.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.

Il calendario delle spose 2023 presentato a Naoli

Presentati Calendario Spose e Studentesse 2023

Presentati ufficialmente il Calendario delle Spose e il Calendario delle Studentesse annualità 2023, e noi non potevamo mancare.

Lascia un commento