Strativari con Maurizio Capone e Cristina Donadio
Strativari con Maurizio Capone e Cristina Donadio

Strativari al Trianon Viviani

Al Teatro Trianon di Napoli va in scena “Strativari” lo spettacolo dove gli strumenti riciclati di Capone & BungtBangt si intrecciano con gli archi dei Solis String Quartet in una suite senza limiti di genere e tempo da Mozart, Bach e Prokofiev fino all’underground, il funk, l’hip hop e l’afro passando per Viviani con musiche originali di Capone e Solis.

Tutto impreziosito dalla presenza di Cristina Donadio che interpreta un testo inedito con citazioni di Pasolini, Erri De Luca, Saviano e Moscato scritto da Stefano Valanzuolo per la regia di Raffaele Di Florio.

Ovviamente di questo spettacolo, sul nostro quotidiano ve ne avevamo già parlato qualche tempo fa e come anticipato, difficilmente assisterete ad uno spettacolo così vivo è pieno di contrapposizioni.

Una viaggio in una Napoli ne buona ne cattiva, semplicemente vera e dinamica come la sua arte ha da sempre dimostrato di essere.

Gli appuntamenti con Strativari nel resto d’Italia

Per chi è a Napoli un appuntamento da non perdere per chi è altrove speriamo di portarlo in tour perché tutti ne possiate godere!

Per chi è a Milano invece il 5 giugno alle 11,00 AM l’appuntamento è al Parco della Guastalla per Pianeta 2030.

Strativari

Si tratta di un’esperienza musicale e un viaggio dell’anima. Concepito come una suite, lo spettacolo musicale e teatrale si compone di otto movimenti con un Prologo e un Epilogo. Otto ritratti emotivi che toccano altrettanti affetti – il ricordo, la passione, il gioco, lo scontro, la fatica, la denuncia, il desiderio, la devozione – esplorati dal punto di vista dei napoletani.

Il progetto nasce dall’incontro di due realtà musicali apparentemente molto distanti tra loro ma unite dalla matrice mediterranea. Tra strumenti con storie e tradizioni profondamente diverse (dal violino alla buatteria, dalla scopa elettrica al violoncello, dalla viola allo scatolophon) Capone&BungBangt e Solis string quartet hanno deciso di condividere il palcoscenico in uno spettacolo scritto da Stefano Valanzuolo e diretto da Raffaele Di Florio.

Il titolo, attraverso un gioco di parole, evoca il nome del celebre liutaio e rimanda agli “strati” “vari” che compongono l’immagine di Napoli caratterizzata da una pluralità di linguaggi, stili, corpi e anime che, forse, non ha uguali altrove.

E voi cosa pensate di questa insolita composizione che raccoglie musica, teatro e sensazioni? Scrivetecelo nei commenti per meglio comprendere il vostro punto di vista su quello che sono gli spettacoli alternativi proposti dalla programmazione del Teatro Trianon Viviani di Napoli.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Salvatore D'Onofrio tra i protagonisti di Altro Giro! Altra corsa!

Altro Giro! Altra corsa! al Campania Teatro Festival

Altro Giro! Altra corsa! è il titolo dello spettacolo di Eduardo Tartaglia che debutta al Campania Teatro Festival 2022.

Teatro Sannazaro

Teatro Sannazaro: stagione teatrale 2022/23

Tutto pronto per la nuova stagione del Teatro Sannazaro, “Aspettatevi di tutto” che unisce la Tradizione ed il Contemporaneo.

Gino Rivieccio per i 25 anni del Teatro Totò

Teatro Totò: i 25 anni… che sono 26!

Quando una storia d'amore nasce dalla passione viscerale, è destinata a durare nel tempo: ecco la storia del Teatro Totò di Napoli.

Lascia un commento