Arena Flegrea: meno male che Renzo c’è

A 15 anni di distanza Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana tornano ad esibirsi all’Arena Flegrea, lo showman italiano più conosciuto al mondo ha portato in scena tre ore intense di concerto interamente dedicate ai grandi classici della canzone napoletana.

Renzo Arbore in concerto all'Arena Flegrea. Foto da Web di Arena Flegrea
Renzo Arbore in concerto all’Arena Flegrea. Foto da Web di Arena Flegrea

Negli ultimi 15 anni Arbore ha girato il mondo con sold out praticamente ovunque, ma dichiara “è sempre emozionante tornare nella patria di queste canzoni, dove sono nate e dove è nata l’Orchestra Italiana, con ben 13 musicisti partenopei”.

E continua: “La scaletta del concerto coniuga il nuovo e l’antico suono di Napoli: voci e cori appassionati, girandole di assoli strumentali, un’altalena di emozioni sprigionate dalle melodie della musica napoletana che evocano albe e tramonti, feste al sole e serenate notturne, gioie e pene d’amore”.
Lo spettacolo si apre con un video che anticipa l’ingresso dello showman, un video a testimonianza della sua passione e cultura musicale (per tutta la musica) e soprattutto della sua versatilità, poliedricità e creatività passando in rassegna la sua infinita carriera e la sua vita da artista.

Ieri un ottantaduenne ancora straripante di energia, ritmi musicali e non solo ha decisamente “dato spettacolo” nella cornice dell’Arena Flegrea gremita, regalando al pubblico presente non solo canzoni napoletane ma tanto, tanto altro.

Renzo Arbore in concerto all'Arena Flegrea. Foto da Web di Arena Flegrea
Renzo Arbore in concerto all’Arena Flegrea. Foto da Web di Arena Flegrea

Pochi uomini di spettacolo possono vantare di aver duettato con mostri sacri della musica mondiale e più in generale dello spettacolo a 360 gradi.
Da Fasts Domino a James Brown, da Ray Charles a Michael Bublè, da Luciano Pavarotti a Tony Bennet, da Claudia Cardinale a Sofia Loren… senza dimenticare i Murolo, Carosone, De Crescenzo, Di Giacomo, Mariangela Melato, il genio di Riccardo Pazzaglia, autore di numerose canzoni napoletane, Lucio Dalla, Battisti, Modugno, Jannacci, Proietti, concludendo – ma non si può effettivamente parlare di conclusione riferendosi ad Arbore – con Pino Daniele e Massimo Troisi.

Nessuno come e più lui può impersonare la storia della RAI-radiotelevisione del nostro paese.
Le sue trasmissioni radiofoniche e non, ricche sempre di ottima musica e demenziale umorismo geniale, hanno accompagnato e divertito intere generazioni.

Sempre totalmente al passo e grande interprete del nostro tempo, Arbore è uno dei pochi ad essere sopravvissuto allo Tsunami del Tempo, fonte ricchissima e inesauribile di accadimenti storici e divertenti da raccontare e tramandare, dalla genesi di alcune canzoni ad aneddoti di vita vissuta con artisti del passato e del presente e tantissimo umorismo tutto partenopeo.
La sua musica, dalla canzone classica napoletana a pezzi di musica lirica e i suoi ritmi, dal rock &roll al blues allo swing passando poi per ritmi giamaicani e africani ha coinvolto e appassionato il numeroso pubblico presente.

Con 3 ore abbondantemente superate di incessante spettacolo, impresa impossibile raccontare tutto ciò di cui il pubblico è stato partecipe ieri sera.
È proprio il caso di dirlo: “Meno male che Renzo c’è…”

Potrebbe interessarti

L’Arena Flegrea stregata dai Subsonica

La band torinese dei Subsonica, reduce dal successo del tour europeo di dicembre e da …

Skunk Anansie: 25 anni e non sentirli!

Otto anni dopo il concerto alla Mostra d’Oltremare, gli Skunk Anansie, tornano a Napoli, nella …

Renzo Arbore

Renzo Arbore live all’Arena Flegrea

Renzo Arbore L’Orchestra Italiana continua il tour. “Tre ore intense di concerto, vi aspetto tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.