Il primo giorno della mia vita - Paolo Genovese

Paolo Genovese presenta “Il Primo giorno della mia vita”

Paolo Genovese, il regista del film “Perfetti Sconosciuti” (che ha fatto incetta di premi, tra cui Ciak d’Oro, Globo d’Oro, Nastri D’Argento e David di Donatello) ha scritto un romanzo unico nel suo genere, originale senza alcun dubbio ma soprattutto che invita alla riflessione: Il Primo giorno della mia vita, (Giulio Einaudi Editore) la cui trama incuriosisce anche per la frase che compare sulla copertina del romanzo “Chi non ha mai sognato almeno una volta di assistere al proprio funerale”… sicuramente in molti, come molto sono i lettori che stanno dando il loro consenso. 

Il primo giorno della mia vita - Paolo Genovese

Emily, ex ginnasta olimpica, Aretha, poliziotta dal carattere forte, e Daniel, piccolo divo della pubblicità, hanno ognuno un motivo preciso per essere disperati. Napoleon, un professionista di successo, no; eppure, fra tutti, è il più determinato a farla finita. Un attimo prima che compiano il gesto irreparabile uno sconosciuto li persuade a stringere un patto: mostrerà loro cosa accadrà quando non ci saranno più, cosa lasciano, cosa si perdono, quale sarà la reazione di amici e parenti.

Per una settimana i quattro avranno il privilegio di osservare sé stessi dal di fuori e l’occasione di riscoprire ciò che di più prezioso hanno dentro; affronteranno avventure ai confini della realtà, diventeranno un gruppo unito e vedranno realizzati desideri cui ormai avevano rinunciato, dopodiché saranno riportati indietro. A quel punto dovranno prendere una decisione. E per qualcuno l’ultimo giorno della vita potrebbe trasformarsi nel primo di una vita nuova.

Un personaggio misterioso che regala sette giorni per sapere come sarebbe il mondo senza di loro, sette giorni per scoprire se si è per davvero toccato il fondo o se sarà mai possibile innamorarsi ancora della vita.

Tutta colpa di Freud è stato il precedente progetto letterario di Paolo Genovese, un libro che come tema di base ha l’amore, sentimento che è quasi sempre al centro di ogni storia, storie sempre diverse da protagonista a protagonista  ma quasi sempre uniti da un unico filo conduttore.

 

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Non mi ricordo una mazza, di Gianni Mazza

Non mi ricordo una Mazza, di Gianni Mazza

Una vita in musica e televisione per il maestro Gianni Mazza che in questo periodo presenta il suo libro, "Non mi ricordo una Mazza".

Ian Giovanni Soscara

Se lo sapesse Jung, di Ian Giovanni Soscara

Parliamo di Ian Giovanni Soscara e del viaggio alla ricerca dell’anima nel libro "Se lo sapesse Jung" di cui ci racconta.

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Verità fai-da-te, di Aldo Mantineo

Uscito a novembre, "Verità fai-da-te Il pensiero critico argine alla disinformazione" è il nuovo libro di Aldo Mantineo.

Lascia un commento