Il futuro ero - Luca Bonaffini

Luca Bonaffini, torna in CD

A pochi giorni dal termine della kermesse sanremese, non si ferma il moto carbonaro della musica popular italiana Luca Bonaffini. Anzi, incalza e – con convinzione e determinazione – diventa provocatoriamente “solido”. Il mercato liquido dei grandi mainstreamer, titolari della maggior fetta del mercato digitale, trova dunque alcuni artisti sovversivi, da sempre seppur in maniera discreta presente, che escono con un bel “supporto fisico”, per tutti gli appassionati delle canzoni “da ascoltare”.

Il futuro ero - Luca Bonaffini

È Luca Bonaffini, il cantautore classe ‘62 che abbiamo imparato a conoscere negli anni Ottanta grazie a Pierangelo Bertoli, per il quale firmò tante canzoni – che guarda al passato.

Ed è proprio un brano singolo (con tanto di videoclip già on line dal 12 marzo), malinconico ed emozionante, intitolato “Il futuro ero”, la traccia che apre “Il paracadute di Taccola”, sedicesimo album dell’artista mantovano, con la regia di Maurizio Ferrandini.

14 brani, arrangiati e prodotti insieme a Roberto Padovan che sarebbero stati bene su vinile, girando a velocità 33, in mezzo ai grandi dischi del cantautorato italiano. C’è tanto pop, ma anche tanta canzone d’autore nelle tracce del nuovo che, con questo CD, segna il secondo capitolo della trilogia dedicata “al volo”.  

L’album, uscito in digitale, il 26 gennaio si farà “solido” per la Festa del Papà, il 19 marzo, che è anche il compleanno di Long Digital Playing (la label di Bonaffini e soci fondata tre anni fa) e quello del complice Padovan, instancabile compagno di merende del cantautore.

“Il paracadute di Taccola” arriva due anni e mezzo dopo “Il cavaliere degli asini volanti” e, a differenza di quest’ultimo, con spunti etnici e new age, contiene canzoni più tradizionali e concepite per essere suonate dal vivo.

Trent’anni fa, firmò la splendida “Chiama piano” che, grazie a Pierangelo Bertoli e Fabio Concato vinse il disco d’oro e successivamente fu anche protagonista del tour “Spunta la luna dal monte”, sostituendo Andrea Parodi dei Tazenda nell’interpretazione della parte in sardo.

Tra le tracce da segnalare presenti nel CD, troviamo “La perla bianca”, “Quella dolcezza che ha cambiato il mondo” e “Quando l’amore si faceva in bianco e nero”. 

Autore: Daniela Iavolato

Appassionata di comunicazione e digital, mi occupo di ambiente e green.

Potrebbe interessarti

Le bandiere di Pace di Julia Krahn

Le bandiere di Pace di Julia Krahn

St. Javelin è il titolo del progetto di Julia Krahn, realizzato in collaborazione con il Comune di Sorrento e l’Associazione Festivà.

Galleria d'Italia a Napoli

Apre al pubblico la Galleria d’Italia a Napoli

La nuova sede della Galleria D'Italia di Napoli presenta tre importanti itinerari espositivi con esposizione di affreschi e opere d'arte.

Luca Abete - NonCiFermaNessuno 2022

Luca Abete: torna il tour motivazionale

"La serendipità? L’hanno sperimentata per primi proprio i napoletani: non ha dubbi Luca Abete per NonCiFermaNessuno

Lascia un commento