Mò Vi Mento alle Giornate del Cinema

La seconda delle Giornate del Cinema di Sorrento si apre con la presenza dei registi del film Mò Vi Mento – Lira di Achille.

Stefania Capobianco e Francesco Gagliardi per Mò Vi Mento
Stefania Capobianco e Francesco Gagliardi per Mò Vi Mento

Sul red carpet Stefania Capobianco e Francesco Gagliardi, che raccontano della loro commedia che vede nel cast Enrica Guidi, Giovanni Scifoni, Daniele Monterosi, Benedetta Valanzano e Tony Sperandeo.

Mò Vi Mento

Tre punti di caccia nel film: soldi, potere e amore. Un film che racconta la sua storia con sfondo un’Italia multietnica fatta da professionisti e secondini, fatta di classi sociali.

La realtà diventa così teatro per cercare di raggiungere gli obiettivi di cui abbiamo già parlato prima: soldi, potere e amore.

In Mò Vimento, Elena Guarracino è l’erede di una multinazionale di profilattici che dovrebbe sposare Achille Alfresco, presidente del “movimento” che da il nome al film e che diventa parte di un triangolo amoroso con Massimo Della Bozza, terzo incomodo intelligente ma non furbo, al contrario di Achille che cerca di avere in pugno tutta la situazione.

Elena e Achille tra meschinità e poca visione della realtà arriveranno a portare “in scena” l’ennesimo matrimonio, chiamando in causa addirittura William Shakespeare.

Potrebbe interessarti

Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento

Successo per gli Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento 2019

Si è conclusa con successo la 41esima edizione degli Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento, …

Tra i premiati al Biglietto d'oro, Gabriele Muccino e Claudia Gerini

Biglietto d’oro, vince la comicità

Tra incontri, proiezioni, anticipazioni, convegni, ma anche red carpet, photocall, serate di gala e momenti …

Claudia Gerini alle Giornate del Cinema di Sorrento

Claudia Gerini, acqua e sapone a Sorrento

Nel giorno della consegna del Biglietto d’Oro delle Giornate di Cinema di Sorrento, arriva Claudia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.