Roberto Ciccutto sull’Oscar a ‘La grande bellezza’

Prima della cerimonia degli Oscar ho ricevuto un sms dal produttore Nicola Giuliano che recitava “PAURAAAAA”. E aveva ragione. Spesso quando le più rosee previsioni fanno sperare al meglio, la delusione si fa cocente.

Ma per fortuna e per merito di tanti questa volta non è andata così. Ha vinto il film per la sua “bellezza” e capacità di farsi capire ed emozionare in tutto il mondo. Ha vinto Paolo Sorrentino con il gruppo dei suoi attori (uno per tutti Tony Servillo) e tecnici (uno per tutti il direttore della fotografia Luca Bigazzi). Hanno vinto i produttori della Indigo Film (Nicola Giuliano e Francesca Cima), che da anni investono con determinazione su autori come Paolo ed esordienti, e che sanno conciliare la propria indipendenza con la forza distributiva di Medusa (ove grazie a Gianpaolo Letta e Mario Spedaletti si continua a sostenere alcuni “cavalli di razza”).

So già che alcuni diranno che una rondine non fa primavera e che ora la politica deve fare il suo dovere. E’ vero. Ma spero si accorgano che questa volta si è fatto quadrato: imprenditori (ANICA), politica (Mibac, Mise e ICE) e sistema di promozione (LUCE-CINECITTA’) nel sostenere anche gli aspetti commerciali della distribuzione all’estero.

Questo sì è un punto da cui non si deve più tornare indietro. Parola di Roberto Ciccutto.

Autore: Giuseppe Borsella

http://plus.google.com/+LagazzettadellospettacoloIt/

Potrebbe interessarti

Steven Spielberg sul set di The Fabelmans

Steven Spielberg: trionfo ai Golden Globe

Parliamo del regista Steven Spielberg, che in questo inizio anno trionfa ai Golden Globe con il film The Fabelmans.

Il cast di Tre di Troppo. Foto di Loris Zambelli per Photomovie

Tre di Troppo sbanca il box office

Tre di Troppo arriva al cinema e sbanca il box office nel weekend dell’Epifania, tra gli italiani più visti. Ecco i numeri del successo.

Gianni Franco

Gianni Franco: sogno un ruolo da Babbo Natale

Gianni Franco ci parla dei suoi trascorsi attoriali e di ciò che gli porterà il futuro a livello lavorativo fino al film con Carlo Verdone.

Lascia un commento