Acqui, due giornate per la donazione

Si è conclusa, sabato 06 luglio 2019, una nuova iniziativa benefica realizzata nella Caserma “O. Salomone”, sede del 17° Reggimento Addestramento Volontari (RAV) “Acqui”, che ha ospitato per due giornate consecutive personale medico e sanitario della Fondazione Italiana “Leonardo Giambrone” per la guarigione dalla Thalassemia ed in collaborazione con il centro di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Ospedale Cardarelli di Napoli.

Un bambino talassemico tra i Volontari dell’Esercito Italiano per Acqui
Un bambino talassemico tra i Volontari dell’Esercito Italiano per Acqui

La numerosa partecipazione e la solidarietà espressa dal personale effettivo al 17° RAV e dai Volontari in ferma prefissata di un anno (VFP-1) del 1° blocco 2019, ha permesso la raccolta di 663sacche di sangue, indispensabili per la sopravvivenza e la conduzione di una vita in buona salute delle persone affette da talassemia, soprattutto in questo periodo dell’anno dove l’emergenza sangue è particolarmente critica.

Il 17° RAV ha organizzato una iniziale campagna di sensibilizzazione incontrando il Presidente nazionale della Fondazione, Dott.ssa Angela Iacono, la quale ha sottolineato come la donazione sia “un grande gesto d’amore che può salvare la vita a tante persone”, ed il Prof. Michele Vacca che, con il personale medico del Centro Trasfusionale dell’Ospedale Cardarelli da lui diretto, ha illustrato ai militari tutti gli aspetti sanitari della donazione.

In tale occasione il personale del 17° RAV ha dimostrato, ancora una volta, come l’Esercito Italiano sia costituito da uomini e donne che, con altruismo e sensibilità, si spendono in prima persona per la salvaguardia del bene collettivo, tanto da raggiungere, con più di 600 donatori, una media di donazione pari ad oltre l’80% dei militari presenti. Tale dato, confrontato con la media nazionale (inferiore al 5% della popolazione), evidenzia l’eccezionale generosità del soldato italiano e la sua vicinanza ai cittadini in difficoltà. La Fondazione, inoltre, ha voluto condividere le testimonianze di alcuni genitori e bambini talassemici che hanno rivolto, ai militari del 17° RAV, la loro gratitudine, “perché è anche grazie alla responsabilità civica che contraddistingue la vostra Istituzione, che loro possono continuare a vivere”, ha concluso la Dott.ssa Iacono.

Il Comandante di Reggimento, Col. Giuseppe Zizzari, che ha voluto essere tra i militari del 17° Reggimento ad effettuare la donazione, ha rimarcato come il gesto dei soldati costituisce un segno tangibile di vicinanza alla popolazione, “perché noi soldati serviamo il Paese, sempre, e anche un gesto come quello della donazione significa servire il Paese”. Non ha mancato inoltre di ringraziare le centinaia di giovanissimi militari che, pur arruolati da pochi giorni, hanno immediatamente compreso l’importanza dei valori etici e morali che devono contraddistinguere chi indossa l’uniforme, definendoli uno “tsunami di generosità”.

Potrebbe interessarti

Vincenzo De Feo, autore di Mai più solo

Mai più solo: tecnologia consapevole per l’autostima

Realizzazione di iniziative finalizzate alla protezione dall’uso scellerato degli strumenti tecnologici: è questa l’attività principale …

La casa di Matteo - Bacoli

La casa di Matteo inaugura a Bacoli

La progettualità della “Casa di Matteo” nasce nel 2016 per volontà dei genitori del piccolo Matteo …

Truffe romantiche a Chi l'ha visto

Truffe romantiche: l’aiuto di “Chi l’ha visto?”

Avete mai sentito parlare di truffe romantiche? Fortunatamente la trasmissione di Rai3 “Chi l’ha visto?” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.