Meridonare, raccolto un milione di euro

Raccolto il primo milione di euro certificato da Meridonare

Presso la Sala Marrama Fondazione Banco Napoli, si è svolta la Conferenza Stampa per “festeggiare” un traguardo importante della piattaforma Meridonare, ovvero il raggiungimento di un milione di euro in donazioni a favore della valorizzazione del Sud.

Meridonare

L’evento ha avuto inizio con le parole del Presidente Fondazione Banco Napoli Daniele Marrama più che entusiasta dell’obiettivo acquisito: “Un anno fa nessuno mai poteva pensare di raggiungere i risultati che invece sono stati raggiunti e volevo fare brevemente una considerazione nella qualità di Presidente Fondazione Banco Napoli: il progetto Meridonare è un progetto che per noi è un figlio prediletto, un progetto strumentale all’incremento dell’impatto sociale che la Fondazione cerca di offrire con il suo operato. Durante quest’anno mi sono trovato in più occasioni a celebrare i risultati positivi di Meridonare e ci sono aspetti che mi piace sottolineare: quando è partita la piattaforma Meridonare nel sostegno ai singoli progetti c’era un rapporto più o meno di “1 a 4”, la Fondazione metteva 4 la Raccolta metteva 1.

Nel tempo questa proporzione si è completamente ribaltata, adesso la Fondazione mette 1 e la Raccolta porta 4, questo vuol dire, quintuplicare l’effetto che produce l’attività congiunta di Fondazione Banco Napoli e Meridonare e soprattutto le Associazioni che svolgono le attività di crowdfunding in maniera diretta sul territorio. Per Fondazione, Meridonare sta diventando sempre di più uno strumento per verificare sul campo la credibilità e l’affezione delle realtà che fanno campagna di crowdfunding, perché come si può ben immaginare, in Fondazione Banco Napoli quotidianamente arrivano decine e decine di richieste di aiuti. Per noi, Fondazione, diventa un termometro importante per capire quali sono le realtà più radicate su di un territorio e che possono operare veramente sul territorio stesso. Un’ultima riflessione che mi piace fare è che secondo me questa esperienza eccezionale di Meridonare, non per essere auto-celebrativi, dimostra che c’è un desiderio di fiducia…”.

Meridonare

Il Presidente continua dicendo che i 100 progetti presenti on line quest’anno, sono stati capaci di drenare risorse importanti con l’unica garanzia della trasparenza e della linearità di chi andava a chiedere e di chi si faceva portatore della raccolta stessa. Un motivo in più che fa sperare in un buon punto di partenza in quanto va a rafforzare anche i legami di fiducia tra le persone. Tutto questo ci porta a capire quanto sia grande il desiderio di fidarsi degli altri e di non avere un atteggiamento di diffidenza.

La diffidenza iniziale può essere anche giusta ma non deve diventare la stella polare della nostra esistenza. L’augurio che auspica il dottor Marrama è che la “creatura Meridonare”, neonata ma già così importante, possa crescere e prodigarsi per il sociale, una crescita dovuta anche alla passione di chi ci ha creduto: il Presidente di Meridonare Marco Musella, l’Amministratore Delegato Livio Falcone e tutto lo staff degli addetti stampa tra cui Titti Alvino e Giovanni Rinaldi.

La Conclusione della Conferenza è affidata al Presidente di Meridonare Marco Musella il quale espone la sua soddisfazione con un breve intervento: “Siamo qui oggi perché abbiamo raccolto un milione di donazioni, ed il milione è la celebrazione del successo di Meridonare…ma anche dei tanti progetti della Fondazione.

Il successo di Meridonare in se potrebbe anche non essere il punto centrale del ragionamento, perché ci sono tante idee di realizzazione di progetti su Napoli che hanno avuto una possibilità in più grazie proprio a questo strumento e quindi alla fine insieme ai soldi abbiamo raccolto tante altre cose: abbiamo raccolto l’entusiasmo, l’entusiasmo contagioso che io tutte le volte che sono venuto a sostenere delle campagne, ho visto attraverso questa sala resa allegra dalle presenze più diverse. Abbiamo raccolto idee, è bello scorrere il sito di Meridonare perché si vedono tante cose diverse che si possono fare, dalle più piccole alle più grandi, dalle più tradizionali, alle cose che invece sono più nuove, come il Teatro fatto in un certo modo, ma anche tutto ciò che riguarda la riscoperta dei beni culturali…”

Il Presidente Musella sottolinea che c’è voglia di intraprendere, dare un contributo economico ma con la voglia di partecipare attivamente, di costruire. Oltre alle donazioni, quindi si sono “raccolte” persone di varie tipologie, dalle più famose alle meno conosciute, tutte disposte a mettersi in gioco per quello che possono, che hanno e che sanno fare, con la speranza che tante cose non funzionanti in una città bellissima come Napoli, possano essere potenziate. Cento progetti significa la possibilità di fortificare e consolidare tanti altri progetti da inserire in piattaforma e nel milione è compreso il miglioramento delle relazioni tra persone che vogliono “sporcarsi le mani” per rendere migliore la città partenopea. Un buon auspicio per il futuro affinché l’idea possa andare avanti per incrementare un successo comune a tutti.

Presente alla Conferenza anche l’attore napoletano Patrizio Rispo.

Articolo del 25/01/2017

A poco più di un anno dalla sua nascita Meridonare, l’innovativa piattaforma di crowdfunding Meridionale figlia della Fondazione Banco di Napoli, ha il piacere di annunciare il traguardo del primo Milione di Euro di donazioni raccolto per sostenere i progetti sociali a favore del territorio.

Meridonare

Il rilevante raggiungimento verrà espresso e presentato Venerdì 27 gennaio 2017 ore 12.00, presso la sala Marrama della Fondazione Banco di Napoli in via dei Tribunali 213, da Daniele Marrama, presidente della Fondazione Banco di Napoli, e da Marco Musella presidente di Meridonare e Vicepresidente della Fondazione Banco di Napoli.

Una cifra considerevole che ha permesso di poter concretizzare gli oltre cento progetti di molte Associazione che hanno varcato la piattaforma di Meridonare.

La Fondazione Banco di Napoli e Meridonare sono considerati come primi sostenitori privati del Sociale Meridionale grazie a tutti i fondi raccolti e destinati al territorio. Gesù Nuovo, Teatro San Carlo, Comunità di Sant’Egidio, Arciconfraternita dei Pellegrini, Circolo Artistico Politecnico, Fondazione di Comunità del Centro Storico, oltre ad altre decine di associazioni sono solo alcuni degli interlocutori che hanno potuto realizzare un progetto di vasto coinvolgiemento per la propria comunità di riferimento.

I dati di Meridonare: 100 progetti in piattaforma, 1 milione e 50mila euro di donazioni raccolti, oltre 5mila donatori privati che hanno usato la piattaforma.

Le collaborazioni. Decine le personalità della politica, dello spettacolo, delle professioni, della cultura e dello sport che hanno divulgato il messaggio di Meridonare: Luigi de Magistris, Alessandra Clemente, Maurizio de Giovanni, Paolo Giulierini, Patrizio Rispo, Massimiliano Rosolino, Maria Bolignano, Giorgio Panariello, Veronica Maya, Diego Occhiuzzi, Patrizio Oliva, Valeria Mazza, Armando Izzo, Gigi e Ross, Ivan Fedele, Maurizio Marinella, Nino Daniele, Mimmo Pesce, Daniela Villani, Roberta Gaeta, Carlo Borgomeo e tanti altri ancora.

Le dichiarazioni

Daniele Marrama: “La Fondazione fa filantropia da sempre, è nel suo Dna, da un anno lo fa anche attraverso Meridonare che ha saputo moltiplicare l’impatto sociale della nostra azione attraverso le donazioni private“.

Marco Musella: “Abbiamo creduto che il valore della solidarietà messa in rete attraverso una piattaforma che aiutasse il territorio sarebbe stato un volano per il Sud. Così è stato. Raggiungere un milione è un risultato eccezionale per noi, perchè ci premia per il lavoro fatto, ma lo è soprattutto per il territorio che ha beneficiato di questi soldi“.

Potrebbe interessarti

Avvocato Valentina Ruggiero. Foto da Ufficio Stampa

LockDown: come è cambiato l’amore in quarantena

Questo lungo periodo di lockdown vissuto dall’Italia negli ultimi due mesi, ha cambiato il modo …

Cuori solitari con lo smartphone

Cuori solitari: le conquiste ai tempi dello smartphone

L’amore non ha età, non ha tempo e non ha barriere, e anche in periodi …

Teenager sempre più depressi per il LockDown

Teenager sempre più depressi per il LockDown

La chiusura forzata di questo periodo, questo LockDown di cui tanto si parla durante l’emergenza …

Lascia un commento