Rebecca Thomson
Rebecca Thomson

Rebecca Thomson: i festival per i film

Rebecca Thomson è un’autrice della Tasmania coinvolta in tutti gli aspetti della produzione cinematografica, dalla scrittura alla produzione, dalla regia fino alle riprese, il montaggio e la distribuzione.

Ha da poco completato una bellissima serie di documentari animati intitolata There Is No I In Island, una riflessione sulle paure e sui sogni della comunità della Tasmania durante l’isolamento a causa del Covid-19. Vincitrice del premio “Miglior Idea Originale” nella sezione Webseries del Digital Media Fest 2021, diretto da Janet De Nardis.

Booking.com

Benvenuta Rebecca Thomson su La Gazzetta dello Spettacolo. Che ruolo hanno i festival nella possibilità di un riconoscimento della propria opera?

I festival hanno giocato un ruolo molto importante per la nostra serie “There Is No I In Island”. Prima di tutto è stato grazie alla partnership con un festival artistico locale, Ten Days on the Island, che siamo riusciti a ottenere finanziamenti da diverse organizzazioni  per poter produrre il nostro lavoro. Il festival ha partecipato al finanziamento iniziale del progetto, permettendoci di iniziare. Ci hanno garantito che ci avrebbero trasmesso in una prima mondiale al loro festival una volta completato il progetto. Questo ci ha messo in una posizione privilegiata per richiedere finanziamenti ai vari organismi in Australia che hanno riconosciuto il valore di tale partnership.

Dopo questa prima mondiale in Tasmania, in Australia, la nostra serie è stata accettata in molti festival cinematografici in tutto il mondo e ha ricevuto anche vari premi.  Sebbene non sia stato possibile di partecipare fisicamente a questi eventi a causa della pandemia, siamo riusciti comunque a essere presenti tramite eventi Zoom  partecipando a panel e interviste online (a volte nel cuore della notte per noi! ). Tutto ciò non solo è stato fondamentale per noi e per il nostro progetto per raggiungere un pubblico internazionale più ampio, ma ci ha anche arricchito come persone, permettendoci di connetterci con altri narratori e creators in un momento in cui siamo stati anche abbastanza disconnessi a causa del Covid-19.

L’ulteriore vantaggio per il nostro progetto di far parte di tutti questi festival è stata anche l’enorme fonte di entusiasmo per l’intero team creativo coinvolto nella realizzazione della serie, ma anche per la nostra comunità qui in lutruwita/Tasmania che è così orgogliosa che un la storia realizzata interamente nella nostra piccola parte del mondo ha viaggiato ovunque ed è stata riconosciuta e apprezzata da persone e comunità di tutto il pianeta. Questo ci fa sentire più connessi come comunità mondiale, ci fa sentire ascoltati e apprezzati.

Grazie al vostro lavoro qual è stata la soddisfazione più grande?

Penso che la più grande soddisfazione per me, come regista, sia stata poter essere seduta in una stanza piena di persone che guardano il mio film su un grande schermo; persone che hanno delle reazioni alle quali posso assistere dal vivo, oltre ad avere conversazioni postume ispirate da ciò che hanno appena visto. Penso che questo sia legato al fatto che ho avuto un’incredibile soddisfazione nel testimoniare quanto siano orgogliosi il mio team di regia e la mia comunità per la qualità della serie.

La collega e co-creatrice di There Is No I In Island, Catherine Pettman e io stiamo attualmente sviluppando un’altra webserie di fiabe originali basate su una giovane donna che rivela la sua voce per salvare suo figlio. Quindi speriamo di poter produrre questa serie quest’anno e poi goderci di nuovo il circuito dei festival web nel 2023!

Secondo Rebecca Thomson, qual è la cosa più urgente da raccontare in questo periodo?

Sfortunatamente la pandemia ha fatto sentire alcune persone molto lontane le une dalle altre e ha anche creato enormi spaccature nelle comunità poiché le persone si trovano in disaccordo su come gestire la situazione e le differenze filosofiche e politiche si sono esacerbate. Vedo così tanti scambi e conversazioni che diventano così personali e così cattive così rapidamente e penso che il ruolo delle storie sia aiutare le persone a entrare in empatia e ascoltare altre prospettive e altre storie oltre la loro. Quindi penso che abbiamo urgente bisogno di storie che promuovano una conversazione rispettosa, ricca di gentilezza, ascolto ed empatia verso gli altri.

Autore: Maria Rita Marigliani

Giornalista Pubblicista, Ufficio Stampa e Social Media Manager. La comunicazione rappresenta, da sempre, un’opportunità di evoluzione e crescita necessaria per me e per la conoscenza degli altri.

Potrebbe interessarti

Roberto Chevalier

Roberto Chevalier: un mestiere da uno nessuno e centomila

Abilissimo nel suo mestiere, sin da bambino, ritroviamo Roberto Chevalier, attore e noto doppiatore di Tom Cruise e Tom Hanks.

Francesco Fiumarella del Premio Vincenzo Crocitti

Francesco Fiumarella racconta il Premio Crocitti

Incontriamo Francesco Fiumarella, autore e direttore del "Premio Vincenzo Crocitti International", che ci parla di meritocrazia.

Francesca Rettondini

Francesca Rettondini: tornerei a Verona

Una donna forte, risoluta, sorridente, Francesca Rettondini, che abbiamo avuto modo di incontrare per raccontarci di se.

Lascia un commento