Alessandra Sorrentino - Internal Freeze
Alessandra Sorrentino - Internal Freeze

Internal Freeze: la danza a teatro per ricreare emozioni

Ospitiamo l’iniziativa di una artista campana, Alessandra Sorrentino, che ci racconta dopo tempo dalla prima chiusura dei teatri, Internal Freeze: ovvero, le sue sensazioni e la sua necessità di creare.

Come racconta: “molti di noi si stanno chiedendo quando le cose ritorneranno alla normalità: non solo gli artisti e gli addetti ai lavori, anche il pubblico sente l’esigenza di ritornare a teatro. Il 27 marzo finalmente il sipario potrebbe riaprirsi, questa data rappresenta un primo barlume di speranza importante per un nuovo inizio“.

Alessandra Sorrentino - Internal Freeze
Alessandra Sorrentino – Internal Freeze

Internal Freeze

Ed è così, che come segno di fiducia per questa nuova fase, la danzatrice e regista Alessandra Sorrentino mette in scena un video-viaggio onirico all’interno del maestoso Teatro Bellini di Napoli grazie a Daniele e Gabriele Russo. Nasce così Internal Freeze, questa danza a porte chiuse che conduce lo “spettatore” nel mondo dell’inconscio, trasportandolo in un flusso misterioso che scorre appena al di sotto del lockdown che stiamo vivendo e che è al tempo stesso sintesi oscura e luminosa di sorprendenti metamorfosi. Consapevoli di trovarci in uno stand by che non si poteva prevedere, l’improbabile sta governando le nostre vite nella quale anche il silenzio è invogliato a esprimersi per liberarsi da un’atmosfera surreale e mortificante che ci ha pervasi nell’ultimo anno. Alessandra crea una collaborazione artistica con due giganti della musica elettronica come Lino Monaco e Nicola Buono, fondendo il corpo alla musica e congelando il racconto con la Video-Art.

a narrazione esalta il progresso della tecnologia che stiamo vivendo , surrogato delle esperienze reali, fino a renderlo il protagonista della nuova normalità. L’individuo contemporaneo ha un’immagine riflessa di sè mediata dalla rete e dallo schermo del proprio smartphone, strumento fondamentale per restare connessi con gli altri. Ma la connessione costante ci sta privando di una delle risorse più importanti nei momenti di sconforto : fare una pausa, riflettere e pensare in modo indipendente. La Video-danza racconta e “abita” lo stato d’animo di tutti gli amanti del teatro costretti a vivere il profondo gelo avvertito senza stagioni teatrali sperando che il sipario di tutti i teatri possa presto riaprirsi.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Partner. Foto dal Web

Come non impazzire per la presenza costante del partner?

Gli attuali cambiamenti della società, consentiti dalla digitalizzazione hanno cambiato i rapporti tra partner. Come gestirli in casa?

La realtà virtuale (VR) al Carcere di Procida per OndeVisioni

OndeVisioni: quando il carcere diventa cinema

Entrare nella cella di un vecchio carcere, a picco sul mare, e immergersi nella vita dei detenuti ad OndeVisioni con la realtà virtuale.

Ulisse di Carmen Castiello. Foto di Giovanni Minervini

Ulisse di Carmen Castiello in scena

Il viaggio dell'iconico Ulisse è lo stesso proposto al pubblico tra i corridoi e le sale del museo sannita Arcos di Benevento.

Lascia un commento