Aeffetto Domino di e con Fabio Massa. Foto tratta dal film. Fonte Facebook.
Aeffetto Domino di e con Fabio Massa. Foto tratta dal film. Fonte Facebook.

Aeffetto Domino, una questione di scelte sociali

Il film di Fabio Massa, Aeffetto Domino presentato al Posillipo

Si è tenuta anche nella location esclusiva del Teatro Posillipo, la proiezione del film Aeffetto Domino, del regista Fabio Massa, che mette in scena la vita di Lorenzo, un trentenne con ampia attitudine al mondo del sociale. Il film con un cast di tutto rispetto, e che vede oltre Fabio Massa anche attrici del calibro di Cristina Donadio (Chanel in Gomorra e al cinema anche con La Parrucchiera dal 6 Aprile), Mohamed Zouaoui, Pietro De Silva (La vita è bella), la bella e brava Martina Liberti, il poliedrico Ivan Bacchi e Salvatore Cantalupo.

Aeffetto Domino. Foto tratta dal film. Fonte Facebook.
Aeffetto Domino. Foto tratta dal film. Fonte Facebook.

Una storia drammatica ma che tanto vuole dare al pubblico, per far comprendere il vero e proprio Aeffetto Domino che può avvenire nella vita di una persona rivolta alle altre. Il film visibilmente girato tra Africa ed Italia, mostra delle prime scene con atmosfera che riporta ai colori forti del Senegal, dove tutto sembra magia fino al contatto con la realtà spezzato da un telefono che suona.

Il protagonista Lorenzo, interpretato da Fabio Massa (protagonista al cinema anche del suo primo film nel 2010, Linea di Konfine), riesce a dare un forte ritmo narrativo al film con l’utilizzo di tecniche cinematografiche diverse come quella utilizzata con la camera amatoriale, o ancora con musiche di forte impatto emotivo.

Impeccabile Cristina Donadio che interpreta la madre di Lorenzo e che tutto sembra fuorché la donna indomabile abituati a vedere in Gomorra, ma anche Pietro De Silva nei panni del padre e Salvatore Cantalupo che interpreta il dottore amico di famiglia, non sono da meno.

Un film non solo basato sul sociale e sul sogno di un ragazzo di diventare educatore in Africa, ma anche quello della fragilità di un amore omosessuale nei confronti del fidanzato Fulvio, interpretato da Ivan Bacchi. Chiude il percorso dei protagonisti il giovane Khalid che mostra una innata spontaneità che fa percepire i momenti felici del film, che inevitabilmente si affiancano a quelli dei problemi che fanno crollare i tasselli creando così l’Aeffetto Domino.

Unica pecca di questo buon prodotto, forse dovuta alla volontà di esprimere l’emotività dei personaggi, probabilmente la lentezza di alcune scene accentuate, da una forte inquadratura temporeggiata sulle scene che può far perdere il ritmo emozionale del film.

Aeffetto Domino

Lorenzo lavora in un’associazione che si occupa di insegnare ai bambini disagiati. Tra questi c’è Kalid un giovanissimo africano che ben presto gli trasmette il suo amore per il “continente nero”. Quando gli si propone di operare proprio in Africa, Lorenzo non ha nessun dubbio.

La sua nuova esperienza però viene ridimensionata quando è costretto a tornare in Italia a causa di un melanoma in fase avanzata. Da qui un effetto domino sulla sua vita: il rapporto con la sua famiglia, l’amore, l’amicizia, le sue scelte…

Autore: Francesco Russo

Giornalista ed Imprenditore Digitale. CEO dell'agenzia di Digital Marketing FREVARCOM. Direttore responsabile ed editoriale del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo e coordinatore Editoriale di Oggi Quotidiano. Fondatore di magazine come Mangiamm, Vivo di Lusso, I Like Night e Prenotami.

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento