Mr. America nelle sale italiane

Gran successo sta riscuotendo Mr. America: il film rappresenta una riuscita fusione di cinema e arte. In programmazione dal giorno 7 novembre in varie sale italiane, Mr. America, è stato presentato due giorni prima della sua uscita in una location di gran prestigio, il  centralissimo ristorante vegetariano “Il Margutta” di Tina Vannini, in via Margutta a Roma. Il thriller d’autore “Mr. America” di Leonardo Ferrari Carissimi che ha come protagonisti Marco Cocci e Anna Favella ha anche la particolarità che le opere in esso rappresentate del chiacchierato Marco Tamburro, artista che ha curato anche il manifesto del film, sono state ammirate dai tanti ospiti intervenuti alla serata di presentazione e potranno essere apprezzate ulteriormente perchè verranno esposte nelle principali sale cinematografiche d’Italia in contemporanea alla presenza del film.

In questo lungometraggio sono rappresentate l’arte come il cinema emoziona, e quale connubio più potente che unire insieme questi due mondi?

“Mr. America” si sofferma sui possibili effetti nefasti che il celeberrimo Andy Warhol ha determinato sulle vite di chi, a vari livelli, si è avvicinato a lui. Ci sono conseguenze talmente potenti che non si fermano alla distruzione delle vite degli artisti (molti sono morti suicidi o a causa dell’uso di droghe), ma ricadono anche sui loro discendenti simboleggiando il peso e l’influenza che la sua opera ancora rappresenta nel mondo dell’arte e nelle generazioni di artisti a lui successivi.

E’ questo un film che rappresenta la spirale negativa di molti artisti, abbagliati dalla temporanea celebrità che prometteva Warhol, quasi una maledizione che per alcuni è stata decisamente fatale.

Il film si sviluppa su distinti piani temporali che s’intrecciano vorticosamente finché ogni significato viene pian piano alla luce grazie ai dettagli della psicologia dei personaggi. Gli atti brutali ed ossessivi, che sono stati subiti nell’infanzia da Penny ed Andy nel film, generano una rovinosa relazione familiare che sarà il fulcro della storia e del suo tragico epilogo. Un film come “Mr. America” sperimenta  un coinvolgimento totale dello spettatore: l’unione dell’arte con il cinema solleva non solo aspetti culturalmente diversi, ma promuove anche l’ambiziosa intenzione di avvicinare e attirare un pubblico eterogeneo, variegato, accrescendo e completando, in tal modo, queste due realtà artistiche, a volte differenti, altre, necessariamente imprescindibili.

Mr. America, presentato nella via degli artisti al ristorante “Il Margutta” a Roma: dove l’arte si gode anche grazie al piacere del cibo, ha dato anche la possibilità agli invitati all’evento di essere  deliziati da un cocktail ispirato alla Pop Art di Warhol: come l’artista utilizzò i barattoli di latta di una nota zuppa come protagonisti di alcuni suoi quadri, così anche Tina Vannini, proprietaria del ristorante, ha fatto degustare zuppe biologiche in barattoli di latta per richiamare l’atmosfera artistica.

Presenti alla serata, oltre il cast, il produttore Claudio Bucci e il regista Leonardo Ferrari Carissimi, molti personaggi di spettacolo trai quali ricordiamo: Dario Salvatori, il notaio Giovanni Pocaterra, gli attori Alex Partexano, Fabrizio Bucci, Mario Zamma, Gabriella Germano, Mirella Panfili, Steffan Jinny, Mirka Viola, Eleonora Vallone, Adriana Russo, Rita Carlini, Elisabetta Rocchetti, Emanuela Tittocchia, Stefania Barca, Marina Pennafina, Antonella Salvucci, lo chef Alessandro Circiello, Leopoldo Mastelloni, i produttori cinematografici Pietro Innocenzi e Pierfrancesco Aiello, il regista Giorgio Molteni, i principi Guglielmo Marconi e Fulvio Rocco prefetto di Chieti, il marchese Ferrajoli, la duchessa Silvana Augero, il direttore d’orchestra Gerardo Di Lella, il conduttore radiofonico e scrittore Stefano Piccirillo, Roberta Beta, Giada Di Miceli, Nadia Bengala, Marcia Sedoc, il filosofo della notte Angelo Ciccio Nizzo, l’editore Giò Di Giorgio, Don Santino Spartà, i politici Luca Danese, Luca Aubert e Antonio Paris, la giornalista Simona Decina, Antonello De Pierro e naturalmente chi è legato all’arte, come il pittore Massimo Catalani e Lorenzo Zichichi, accolti dalla sociologa televisiva Deborah Bettega.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento