Indies: appello alla Rai per rimandare il Festival di Sanremo

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del Coordinamento Indies, in merito alla questione Festival di Sanremo 2021, che sta generando non poche polemiche.

Festival di Sanremo 2021

Si legge nella nota di Indies: “La Rai, nonostante il periodo di “stop” del settore (che dura di fatto da un anno per l’80% degli operatori mentre il restante 20% ha parzialmente ripreso in estate ma con esiti economici spesso negativi) ha confermato il Festival di Sanremo dal 2 al 6 marzo prossimi. Crediamo sia meglio rinviarlo di qualche settimana per magari realizzarlo con la “ripartenza” del mondo della musica dal vivo in primavera ma a questo punto, se fossero confermate le date, chiediamo che l’evento tv, oltre ad essere realizzato seguendo le norme, senza pubblico e senza assembramenti, diventi in questo caso l’occasione per sostenere il rilancio di tutto il comparto musica, contemporaneamente.

A tale proposito chiediamo quindi alla Rai e al Festival di Sanremo, come servizio pubblico, un segnale concreto per marcare la vicinanza a tutti gli operatori del settore, che rischia nei prossimi mesi di veder chiudere la metà delle piccole imprese indipendenti della musica, grandissimo patrimonio della filiera tutta perché vero incubatore dei futuri artisti, come dimostrato in questi decenni. Proponiamo quindi di adottare durante il Festival di Sanremo per la Ripartenza della Musica un Festival, un Contest, uno Spazio Live, un Teatro per la Musica dal Vivo e altre realtà simili dando loro spazio e visibilità, anche con collegamenti con ospiti musicali e altre personalità presenti in tali spazi (teatri, club, circoli, piazze, musei ecc.) abbinandole agli artisti e alle artiste in gara e promuovendo, anche insieme agli ospiti italiani magari facendoli suonare in collegamento dagli spazi live delle loro città, così la ricca realtà dei festival e dei contest, dei club e dei circoli, delle agenzie e dei tour degli artisti italiani soprattutto indipendenti ed emergenti, linfa vitale al futuro della musica italiana e quindi dello stesso Festival di Sanremo.

Sottolineiamo ancora che se non ci fosse questa ricca filiera non ci sarebbero i nuovi artisti della musica del nostro Paese e tutto il nostro mercato sarebbe nelle mani di pochi marchi multinazionali. Per questo il Festival di Sanremo insieme agli artisti in gara e agli ospiti deve cogliere l’occasione di promuovere tutta la musica realizzata in Italia e potrebbe cogliere l’occasione per presentare un Sanremo Giovani tutto l’Anno che potrebbe partire subito coinvolgendo le principali realtà indipendenti per poi lavorare tutto l’anno in giro per l’Italia a fare scouting e promozione di nuovi artisti. Diamo fin d’ora tutta la nostra disponibilità mettendo a disposizione l’esperienza delle nostre strutture e di tutti i nostri associati e chiediamo un incontro su tale proposta”.

Che epilogo avrà la situazione Sanremo?

Potrebbe interessarti

Alberto Tomba. Foto da Wikipedia

Alberto Tomba torna sul podio a Sanremo 2021

Alberto Tomba, l'ex campione di sci presente sul palco durante la serata finale di Sanremo 2021 per le Olimpiadi.

Vincenzo Russolillo e Amadeus sul palco di Casa Sanremo 2021 il giorno dell'inaugurazione

Casa Sanremo 2021: Amadeus taglia il nastro

Tra polemica e grandi attese, arriva il taglio del nastro della XIV edizione di Casa Sanremo, aprendo così IL Festival 2021

Noemi: ho tagliato i ponti col passato

Noemi, a meno di una settimana dal Festival di Sanremo 2021, si racconta a Vanity Fair sul suo cambiamento.

Lascia un commento