La Scuola Napoletana, i Partimenti ed il Metodo Catemario

La Scuola Napoletana, i Partimenti ed il Metodo Catemario

La Fondazione Pietà de’ Turchini in collaborazione con l’Accademia Catemario di Napoli e l’Accademia Mandolinistica Napoletana presenta: “La Scuola Napoletana, i Partimenti ed il Metodo Catemario”.

La Scuola Napoletana, i Partimenti ed il Metodo Catemario

La conferenza avrà luogo venerdì 11 ottobre 2019 alle ore 17 presso il Gran Caffè Gambrinus a Napoli e sarà basata sull’esposizione dei fondamenti storici della scuola napoletana e dell’uso dei partimenti del Settecento e del loro uso attualizzato attraverso il Metodo Catemario.

I relatori saranno:

  • Luca Bianchini e Anna Trombetta (musicologi ed esperti di partimenti): Esistenza della scuola napoletana, introduzione storica, i partimenti
  • Giovanni Paracuollo (concertista e professore): L’importanza della didattica pratica e della formazione dell’orecchio
  • Edoardo Catemario (concertista e didatta internazionale): Metodo Catemario, genesi e sviluppo
  • Mauro Squillante (concertista e professore): Il Metodo Catemario per mandolino
  • Federica Castaldo (presidente della Fondazione Pieta de Turchini): L’offerta formativa di base

L’ingresso è libero.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Francesca Ghezzani

Fatti e storie da raccontare, torna Francesca Ghezzani

Giunta alla sua quarta edizione, è ripartita la trasmissione "Fatti e storie da raccontare". Ne parliamo con Francesca Ghezzani.

Psicofarmaci e solitudine. Foto dal Web

Psicofarmaci: perché è importante ridurre lo stigma

La salute mentale sta a poco a poco diventando un argomento di cui si parla più apertamente: un focus sulle terapie da seguire.

Casino di Sanremo. Foto di Sailko da Wikipedia - Opera propria

Casino italiani più famosi: i luoghi

La tradizione italiana con i casino è lunga oltre 300 anni. Ecco i luoghi più famosi e storici d'Italia dove nasce questa attrazione.

Lascia un commento