Souper di Molnàr al Bellini di Napoli

Una sera al teatro con Souper di Molnàr

Al teatro Bellini di Napoli arriva l’opera Souper di Molnàr. Dopo una quarantennale carriera, un direttore di banca, il giorno del suo compleanno invita gli amici a cena per condividere un momento magico, esaltante, con le persone che gli sono più vicine.

Souper di Molinar

Come spesso succede, fra brindisi,applausi, risate, ci sono discorsi a braccio, preparati, non voluti per ringraziare ed auto celebrarsi, tutto all’insegna della mai dimenticata goliardia.

All’improvviso, come spesso accade nella vita cambia tutto: un ispettore di polizia prega il direttore di accompagnarlo alla centrale, immediatamente, senza nessuna spiegazione.

Scompiglio tra i convitati: domanda fatte e non fatte, sguardi allibiti, e gli amici che condividevano  tutto minuti prima si ritrovano ad accusarsi fra loro. La luminosa carriera è sempre avvenuto alla luce del sole e nella piena legalità o ci sono ombre che potrebbero coinvolgere anche gli ospiti? Alla fine si scopre che era solo uno scherzo, un “pesce d’ aprile”, per cui ognuno cerca con risate nervose e battute fuori luogo di ricomporre quell’armonia, sicuramente falsa, perduta.

Commedia scritta da Molnàr nel 1930, ma attualissima per le reazioni dei singoli personaggi, laddove  interessi, tradimenti,  ricatti, non sono così lontani dal nostro quotidiano. Ottima come sempre la sapiente regia di Fausto Paravidino che coglie l’ arguzia e la precisione dell’ autore.

Con Souper, si replica al Bellini sino a domenica 27 novembre 2016.

Potrebbe interessarti

Piero Pelù. Foto di Riccardo Bagnoli

Piero Pelù, a Sanremo con Gigante

Anche Piero Pelù tra i cantanti in gara al Festival di Sanremo 2020 per festeggiare …

Tommaso Paradiso

Tommaso Paradiso, arriva “I Nostri Anni”

Il nuovo singolo inedito di Tommaso Paradiso, I Nostri Anni, arriva con il suo videoclip …

Lusya. Foto da Ufficio Stampa

Lusya, la cantante che ama spaziare

Bella, affascinante e dotata di una voce potente. Claudia Spitoni in arte Lusya, dopo il …

Lascia un commento