Kafka sui pattini. Foto di Giusy Russo.
Kafka sui pattini. Foto di Giusy Russo.

Kafka sui Pattini, primo video ufficiale

Vi raccontiamo i Kafka sui Pattini

Ottima partenza per il primo video ufficiale dei Kafka sui Pattini, giovane e promettente band indie pop formatasi tra Pompei e Scafati.

Kafka sui pattini. Foto di Giusy Russo.
Kafka sui pattini. Foto di Giusy Russo.

Start a brawl è il brano dei Kafka, scelto come “apripista” del disco d’esordio (la cui pubblicazione è prevista nel prossimo autunno con la label partenopea Studio8) ha raggiunto in pochi giorni la soglia delle 30mila visualizzazioni su YouTube.

Spunti dark, atmosfere glam e riferimenti a band del post punk revival (Artic Monkeys su tutte) arricchiscono la proposta musicale dei Kafka e ne fanno una delle novità più interessanti e fresche della scena esplosa a Napoli e in provincia.

La scelta di esprimersi in inglese e il sound che la contraddistingue, sono però sintomo di una personalità diversa che esula da molto di quello che ultimamente si sta ascoltando in giro e la proietta verso palchi europei.

La band formata da Mark Turner Brunasso (voce e basso), Raffaele Acero Fogliamanzillo e Chris Federico (chitarre), Davide Doo Busiello (tastiera e campioni) e Lorenzo Lollo Lamberti (batteria), nonostante la giovane età dei 5 componenti, ha già alle spalle numerosi live in Campania e nel resto della Penisola.

Nel video si assiste a una rissa, scoppiata all’interno di un locale durante l’esibizione dei Kafka: ‘Start a brawl’ significa appunto innesca la rissa.

Il brano è stato prodotto da Diego Leanza per Studio8, la label che lo stesso Leanza guida insieme a Giancarlo Tommasone. Si tratta di una delle etichette più attive in circolazione e tra quelle più attente a far conoscere ed emergere nuovi talenti.

La nascita del gruppo prende vita nella stagione invernale di circa tre anni fa: Era un freddo Dicembre, quello Pompeiano 2014, quando Mark, Davie Doo, Chris, Acero e Lollo decidono di allacciare i pattini e formare una band.

L’energia della musica, fin da subito, si mescola con la volontà di far ballare e coinvolgere il pubblico, in un cocktail di indie rock e suoni freschi dal tasso alcolico elevato.

Nell’ Aprile 2015 vincono il PompeiLab Music Contest. In autunno il brano “Shakespeare got drunk” viene selezionato per la compilation nazionale “La Fame Dischi” che raccoglie il meglio delle band emergenti del Belpaese.

Nel Maggio 2016 sono tra i finalisti dell’1MNext contest per decretare la band che salirà sul palco del concertone del Primo Maggio e vengono reputati tra le migliori realtà emergenti campane da numerose riviste del settore.

L’intensa attività live li vede condividere il palco con artisti del calibro di Selton, EPO, La Maschera, Diego Leanza, Sabba e gli Incensurabili, Freak Opera, Hitesan, Johnny Dal Basso e tanti altri.
Una curiosità è legata al loro nome, non chiedete il perché della scelta… tanto non ci sarà risposta.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Marghet - La cover di Testa Cuore

Marghet, Testa Cuore è il primo Ep

“Testa Cuore” è il primo Ep della cantautrice Marghet, composto da 6 brani e racchiude le vicende amorose della cantautrice

RPWL. La cover di Crime Scene

RPWL: Victim of Desire in stile “crime”

Gli RPWL hanno lanciato da qualche giorno il loro nuovo singolo, il riuscitissimo Victim of Desire, correlato da un video in stile crime

Domenico Costanzo. Foto da Facebook

Domenico Costanzo e i riconoscimenti internazionali

Incontriamo Domenico Costanzo, regista e sceneggiatore che ci parla dei suoi film a sfondo sociale e dei premi ricevuti.

Lascia un commento