Roma Jazz Festival 2014 all’insegna dello Swing & New Deal

RomaJazzFestival2014

La 38° edizione del RomaJazzFestival 2014 si terrà dal 14 al 30 novembre presso l’Auditorium del Parco della musica di Roma. Come ogni anno il festival è incentrato su un tema intorno al quale si dipana la musicalità del jazz, quello scelto per quest’anno è ‘Swing& New Deal’ ovvero l’anima di questo genere musicale che è lo Swing unito alla politica economica attuata da Roosvelt per porre rimedio alla grande crisi del 1929 che è la New Deal.

Il tutto per celebrare una rinascita dello swing, nell’anno che coincide con il 40° anniversario della morte di Duke Ellington, in questo modo il Roma Jazz Festival metterà in evidenza la relazione tra jazz e ballo e jazz ed economia, presentando una serie di concerti, film, conferenze e eventi danzanti che riguarderanno lo swing sotto ogni aspetto e forma d’espressione, per mettere in risalto la portata sociale dì questo nuovo fenomeno che interessa le vecchie e le giovani generazioni .

Gli ospiti in cartellone porteranno la loro visione dello swing, da quello melodico e raffinato, contagioso e avvincente, con improvvisazioni virtuosistiche, ritmi cangianti e scambi audaci di Dave Holland & Kenny Barron, a quello classico con ritmi latini e accattivanti delle composizioni originali dei fratelli Cohen con il loro 3 Choens Sextet che improvvisano sincronicamente a tre voci, definendosi come improvvisatori “a cappella”.

L’eleganza di Dee Dee Bridgewater si manifesterà in uno spettacolo vero e proprio pieno di sorprese, nel quale canterà brani diversi spaziando tra il Jazz, il Soul, la canzone d’autore, il Rythm and Blues.

Joe Lovano& Dave Douglas un duo stellare in un tributo a Wayne Shorter con composizioni appositamente arrangiate per questo progetto unitamente a brani originali.

Fabrizio Bosso ed il suo quintetto si esibiranno in un concerto dedicato a Duke Ellington, mentre Enrico Rava reinterpreterà il suo vasto repertorio insieme a giovani e talentuosissimi musicisti, dei quali è stato il primo mentore.

Franco D’Andrea Three percorrerà in chiave moderna il Jazz tradizionale, lo swing, l’improvvisazione contrappuntistica con la singolare e affascinante intuizione di accostare il suo pianoforte a due soli strumenti a fiato che rappresentano le ance e gli ottoni di una banda musicale.

Jason Moran & Robert Glasper due straordinari talenti del nuovo pianismo Jazzistico americano, presenteranno un eccezionale concerto in duo, dopo il grande successo ottenuto a New York.

Piji Quintet si produrrà con il suo electroswing attraverso composizioni originali, naturalmente, e riletture jazzate di brani pop. Birelli Lagrene & Gipsy Project presenterà un omaggio a Django Reinhardt, nella tipica formazione del Gipsy Jazz: due chitarre acustiche, violino e contrabbasso.

Antony Strong splendido interprete dalla voce affascinante, senso ritmico irresistibile, con i suoi arrangiamenti originali ed il suo grande senso del palcoscenico, incanterà con le melodie che hanno fatto sognare intere generazioni.

Il Roma Jazz festival è anche ensamble con The Sweet Life Society, Orchestra Operaia, Us Naval Force Europe Jazz Ensemble.

Per informazioni : www.romajazzfestival.it/

Su Laura Scoteroni

Partenopea di nascita, viterbese di adozione. Giornalista con la passione per la cultura, la musica di qualità, la poesia. Attraverso le parole fermo il tempo di avvenimenti, note e immagini. Scrivere per me è come respirare, se possibile senza asma.

Lascia un commento