Zeus40 durante una esibizione. Foto di Marco Carotenuto
Zeus40 durante una esibizione. Foto di Marco Carotenuto

Synthesis, la mostra di Zeus40

A Napoli lo street art di Zeus40

Arriva una mostra straordinaria dedicata al lettering e al modo in cui le parole possono essere utilizzate in maniera differente, per cambiare le regole del gioco. Parliamo di Synthesis, che l’artista Zeus40, al secolo Luca Caputo ha trasformato, per qualche ora, l’IQOS Embassy di via Filangieri a Napoli in uno spazio di street art, dove gli ospiti hanno potuto ammirare la creazione di un’opera live.

Un’azione di live painting per raccontare a Napoli, un percorso di innovazione e cambiamento in un elegante spazio eventi, dove è stato possibile non solo scoprire il nuovo dispositivo elettronico di Philip Morris, ma anche intrattenersi nel salottino per un aperitivo tra musica e arte, grazie alla collaborazione tra Kidea e l’artista.

Luca è un noto street artist napoletano, membro dell’associazione “Bereshit”, la prima Acu (Associazione per la creatività urbana) campana, con la quale realizza molti interventi di ripristino urbano in tutta Italia, è impegnato nella diffusione dell’aerosol culture anche all’estero e ha al suo attivo pure il restyling di alcuni elementi della scenografia del film “L’Amico di famiglia” (2016) del regista Paolo Sorrentino, in concorso al festival cinematografico di Cannes.

Mostre, arte, costume e spazi espositivi sono la nuova prospettiva di questa città al rilancio e l’idea dell’artista rinnova gli spiriti creativi dell’attualità.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Premio amARTI 2023

Premio amARTI 2023

Al via il premio amARTI, l’evento organizzato dallo IAV Club e dedicato all’arte in ogni sua forma a Napoli.

Pulcinellamente

PulciNellaMente 2023: presentato il programma

Ufficialmente presentato al Senato della Repubblica Italiana il programma della XXIII edizione del Festival PulciNellaMente.

Elena De Curtis

Elena De Curtis racconta Totò, il principe poeta

Oggi incontriamo Elena De Curtis, anche che su Totò si è scritto e si è detto di tutto, ma come per le cose migliori non è mai abbastanza

Lascia un commento