L'esercito di Terracotta

L’esercito di Terracotta in mostra a Napoli

La Terracotta e la Cina protagoniste a Napoli

Dal giorno 24 Ottobre 2017 fino al 28 gennaio 2018 sarà possibile ammirare nel suggestivo scenario della Basilica dello Spirito Santo, sita nel cuore di Napoli nella centralissima Via Toledo, una delle mostre più interessanti e affascinanti di tutti i tempi: L’esercito di Terracotta e il Primo imperatore della Cina, il cui curatore è Fabio Di Gioia.
L'esercito di Terracotta

Si tratta di un vero e proprio ritorno al passato, un percorso da effettuare nella Cina di 2.200 anni fa per sorprendersi e conoscere la storia del Regno del Primo Imperatore Cinese, il potente Qin Shi Huangdi, rimasto sul trono per un decennio.

Innumerevoli scoperte archeologiche sono in esposizione per essere ammirate e far sorprendere i visitatori, infatti sono oltre 300 gli strumenti ed i reperti storici presentati al pubblico, gli stessi che venivano utilizzati nel quotidiano o durante le fasi della guerra, inoltre nelle sale da percorrere sono esposte anche reliquie-testimoni di quei periodi maliosi, creati da bravissimi artigiani cinesi, circa 720mila artisti-artigiani.

Gli stessi minuziosamente hanno riproposto in maniera fedelissima statue del passato in modo da concretare in modo approfondito il rappresentare e rispecchiare il famoso Esercito di Terracotta ovvero la riproduzione esatta, ordinata dal sovrano Qin Shi Huangdi, dell’ esercito con cui unificò la Cina e che l’imperatore volle come armata da portare con sé nell’Aldilà.  Di grande impatto, altresì, la creazione della necropoli di Shi Huangdi e dei vari scavi archeologici che l’hanno restituita alla luce.

Autore: Silvana De Dominicis

Vice direttore di La Gazzetta dello Spettacolo, amante degli animali, la natura e la cucina veg. Umiltà e sensibilità sono nel contempo i miei pregi e difetti.

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze per Cinedecameron

Cinedecameron: il cinema per ricordare Boccaccio

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze grazie a Cinedecameron rivisitano, in un inedito cortometraggio Boccaccio.

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.

Lascia un commento