Santa Claus Village

Inaugurato il Santa Claus Village

Il Santa Claus Village ha aperto le porte sabato 28 novembre, alla presenza di Santa Claus e signora, per la gioia dei bambini accorsi per visitare il villaggio, presso il padiglione 10 della Mostra d’Oltremare di Napoli, fino al 20 dicembre 2015. L’evento è patrocinato dal Comune di Napoli, ed è ispirato al mitico e originale villaggio di Santa Klaus a Rovaniemi in Finlandia.

A sorpresa la visita nel pomeriggio di domenica del Sindaco De Magistris che ha visitato le ambientazioni del Villaggio e si è fermato presso gli stand gastronomici a gustare alcune delle golosità proposte. L’accoglienza da parte di splendide elfe e dal capo-elfo, che spiegano il saluto in uso nel paese polare, battendo la mano sul cuore e facendo il segno di marameo sul naso esclamando: ‘Eeeeeeelfini’.

ingresso

Ufficio passaportiCome ogni paese straniero, per entrare nel villaggio è necessario avere un Passaporto e rifornirsi di valuta locale il Babbino del valore di un euro. All’ingresso si può controllare al grande archivio se il nome è presente nell’elenco dei Bambini Buoni o dei Cattivi.


archivio buonicattivi

Giunti al villaggio si possono visitare le varie zone tematiche, con tanti simpatici elfi che illustrano come si vive a casa di Santa Claus, preparando buonissimi biscotti nella cucina della signora Claus, e partecipando alle molteplici attività per i bambini.

Villaggio

Fabbrica dei regali

Scuola di guida artica

Cucina di Mrs Claus

Assolutamente da non perdere la nevicata che ogni ora scatena la gioia dei piccoli visitatori, preceduta dal slauto di Santa Claus alla finestra.

Santa Claus e Mrs Claus
Santa Claus e Mrs Claus

nevicata

Il villaggio Santa Claus Village è aperto ogni sabato, domenica e festivi (7 e 8 dicembre compresi) dalle 10.00 alle 23.00, mentre dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 21.00. Per le scuole: dal lunedì al venerdì dalle 9.00.

Autore: Laura Scoteroni

Partenopea di nascita, viterbese di adozione. Giornalista con la passione per la cultura, la musica di qualità, la poesia. Attraverso le parole fermo il tempo di avvenimenti, note e immagini. Scrivere per me è come respirare, se possibile senza asma.

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze per Cinedecameron

Cinedecameron: il cinema per ricordare Boccaccio

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze grazie a Cinedecameron rivisitano, in un inedito cortometraggio Boccaccio.

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.