Giallo di Napoli, Ciro Ciardiello

Giallo di Napoli del Maestro Ciro Ciardiello

image

Inaugurata il 6 giugno la Prima Rassegna di Arti Pittoriche degli Allievi della Scuola “Giallo di Napoli” del Maestro Ciro Ciardiello, presso la Domus Ars in via S.Chiara a Napoli che durerà fino al 16 con apertura dalle 11 alle 19.30.

La Rassegna e’ stata realizzata in collaborazione anche con l’Associazione Culturale Noi Per Napoli,da anni impegnata a promuovere la cultura e l’Arte della e nella città di Napoli in tutte le sue manifestazioni ed espressioni.

Nella cerimonia di apertura di ieri 6 giugno che ha visto una grande partecipazione di pubblico oltre agli artisti espositori sono intervenuti come ospiti ed esponenti di Noi Per Napoli i Maestri Olga De Maio,soprano e il tenore Luca Lupoli,rispettivamente vicepresidente e presidente della stessa Associazione e hanno condiviso e salutato tutti gli intervenuti con le note del Brindisi della Traviata e della canzone napoletana ‘O sole mio,autentico inno di Napoli e in sintonia con la solarità del colore che da’ il titolo alla mostra.

Giallo di NapoliGli Artisti impegnati sono: Adele Abet,Nancy Abet,Ciro Anatrella,Colomba Bonagura,Antonio Calignano,Antonella Canfora,Ciro Ciardiello,Annamaria Colantuoni,Giovanna Cutolo,Angela De Furia,Carla De Maria,Vittoria De Santis,Giuseppe Di Carluccio,Annalisa D’Urso,Geppy Esposito,Milena Esposito,Luisa Falchero,Elsa Faldo,Rita Gessato,Adriana Gimmelli,Fabrizio Giordano,Giuseppe Leone,Fulvia Lizzi,Carlo Mattei,Carla Menga,Renato Palumbo,Vincenzo Palomba,Tiziana Rocca,Patrizia Russo,Luigina Salomi,Frenado Scarpellino,Lidia Scarpellino,Teresa Spagnoletti,Carmela Tizzani,Pietro Vertefeuille e come Artista ospite il Maestro Nicola De Maio,ottocentista napoletano.

Il Maestro Ciro Ciardiello ha inteso con questa iniziativa riunire tutti gli artisti accomunati dalla passione e dall’amore per la pittura,in uno spirito di condivisone,di mutuo e reciproco scambio di esperienze e di itinerari artistici provenienti da studi diversi,di contagiare tutti con il suo grande e brillante entusiasmo artistico.

Fatto nuovo della sua Scuola oltre alla partecipazione di una fascia di età che va dai venti agli ottant’anni e’ il grande coinvolgimento di Artiste donna che una certa mentalità e tradizione ha sempre ritenuto poco consone a dedicarsi a questo tipo di arte.

Il nome della mostra ” Giallo di Napoli” era un’idea che Ciro Ciardiello aveva in mente da anni,gia’ ai tempi della sua Associazione e Galleria d’Arte ed ha voluto proprio intitolarla ad un colore specifico che esprimesse le sue radici,sensazioni,la voglia di esprimersi,personale e di tutti,attraverso le immagini,in un mondo in cui appunto siamo “malati di immagine”.
Voglia dunque di imparare le immagini ma anche voglia di giocare con una cosa difficile e complessa come appunto la pittura,rendendola accessibile a tutti.

Giallo di Napoli e Noi Per Napoli e’ sembrato dunque al Maestro Ciardiello un ottimo gemellaggio per collaborazioni future,per la crescita dei suoi amici artisti, con lo scopo di diffondere e far conoscere a panorami nazionali ed internazionali la nostra tradizione culturale ed artistica.

Vi esortiamo vivamente quindi a visitare questa mostra che durerà fino al 16 giungo proprio nel cuore di Napoli antica,Via S.Chiara presso la Domus Ars,ringraziando anche per la collaborazione la Signora Rachele Cimmino e Bruno De Luca.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Heldin durante un gioco di illusionismo. Foto da Facebook

Heldin racconta le sue illusioni

La Magia è una cosa seria. Lo sa bene Heldin, Egidio Russo, che ha trasformato la passione per la prestidigitazione in un lavoro.

Matilde Brandi

Matilde Brandi: lo spettacolo dal vivo merita sempre di essere sostenuto

La show-girl romana Matilde Brandi si mette a disposizione dell'imprenditoria e accetta di fare la consulente artistica del Mamì Bistrot.

Anbeta Toromani ed Alessandro Macario a Benevento. Foto di Ezio Bevere

Chopin a Benevento tra musica e danza

Al di là di guerre, pandemia e siccità c’è nella gente il desiderio di tornare alla normalità e lo vediamo a Benevento.