Omovies Film Festival 2018, i vincitori

Per Omovies Film Festival 2018, sono stati proiettati oltre 60 lungometraggi, documentari e cortometraggi provenienti da tutto il mondo, quattro giorni di incontri e dibattiti, un tour tra le bellezze della Campania, un gran gala di premiazione. Cala il sipario sulla rassegna diretta da Carlo Cremona, ed è tempo di bilanci.

Omovies Film Festival 2018 - Premiazioni
Omovies Film Festival 2018 – Premiazioni

Le dichiarazioni

Cremona racconta: “Quest’anno il festival è cresciuto nei numeri grazie anche al sistema di multisala diffuso sul territorio che ha coinvolto il cinema Hart, la libreria del cinema e della legalità al Rainbow Center Napoli, il Palazzo delle Arti Napoli, l’Istituto Francese di Napoli, la Libreria del Cinema, Cinema Posillipo.

Una 11a edizione che ci ha regalato tanti momenti di confronto, di spunto, di crescita grazie alle splendide opere selezionate. Un sentito ringraziamento a tutta la squadra e alla madrina Vladimir Luxuria che da sempre sostiene le nostre iniziative“.

Il gala

Una chiusura in grande stile al Cinema Posillipo con il gala di premiazione che ha visto sul palco alternarsi Priscilla queen of Mikonos, e l’imitatore Vincenzo de Lucia. Grande atmosfera con la performance del divo di Bollywood, nonché presidente dell’Academy, Yuvraaj Parashar, che ha trascinato gli ospiti in una danza indiana. Il corAcor – Napoli Rainbow Choir, diretto ed arrangiato dal maestro Maria Gabriella Marino, ha debuttato nella sua nuova versione 4.0. Tra gli ospiti gli attori Rosaria De Cicco, Roberto Azzurro, Maria Mazza, Ludovica Coscione e la band A Toys Orchestra.

I premiati

Svelati i vincitori. “13.11-2 El hijo de Fatima” di Carlotta Piccinini è il miglior corto della sezione fiction, menzione speciale per “Chutz” di Uri Schachter. Tra i mediometraggi fiction prevale “Il condannato a morte” di Matteo Blanco, una menzione sperciale per “Non riesco a dormire” di Donato Luigi Bruni. Il miglior lungometraggio fiction è “Mark’s diary” di Jo Coda, menzione speciale a Mona Ambegaonkar attrice protagonista del film “Evening Shadows”. Tra i documentari vince “The world is round so that nobody can hide in the corners” parte 1 e 2 di Leonardo Goddinho tra i mediometraggi, “Au printemps tu verras” di Nicolas Gerifaud tra i lungometraggi.

Il Premio speciale i Ken “Vincenzo Ruggiero”, istituito nel 2017 in memoria del giovane ragazzo col sogno della recitazione, presieduto dalla sorella Federica Ruggiero e composta da suoi amici e parenti, è andato “Evening Shadows” di Sridar Rangayan. La stessa giuria ha assegnato il premio Under 25 ai giovani attori Simone Amoruso e Giacomo Pugliese per il corto “Non riesco a dormire” di Donato Luigi Bruni.

Potrebbe interessarti

Terni Pop Film Fest 2019

Terni Pop Film Fest 2019: ecco gli ospiti

Terni Pop Film Fest, il Festival del cinema popolare, arriva a Terni dal 10 al …

Presentazione dello Zurich Film Festival. Foto di Tim Hughes

Zurich Film Festival, spazio alle donne

Tutto pronto per lo Zurich Film Festival, che si terrà a Zurigo dal 26 settembre …

Conferenza di presentazione dell'Ariano International Film Festival 2019

Ariano International Film Festival 2019, la giuria

La prestigiosa sala del Carroccio in Campidoglio ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dell’Ariano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.