Italia e Georgia vicine grazie al cinema

Le coproduzioni tra Italia e Georgia e le opportunità produttive che si aprono agli operatori del settore, sono l’argomento dell’importante tavola rotonda che si svolgerà oggi a Roma presso il Teatro Valle e che vedrà tra i relatori  i responsabili del Georgian National Film Center venuti nella capitale per illustrare le agevolazioni derivanti dalle possibili partnership tra Italia e Georgia.

L’iniziativa di carattere istituzionale è rivolta agli operatori del settore audiovisivo italiano. Il fine è quello di rendere concreti alcuni obiettivi con particolare attenzione alle agevolazioni per le società di produzioni italiane che decidono di girare in Georgia. Durante l’incontro saranno analizzate le modalità degli accordi di coproduzione fra Italia e Georgia; le locations che il paese offre e il sostegno nell’individuazione di partner produttivi per film, Fiction e documentari da girare Georgia.

Tra gli ospiti georgiani che interverranno: Nana Janelidze  – Direttrice del Georgian National Film Center, la produttrice Anna Dziapshipa e Nina Shervashidze, Projects Manager del GNFC. Sul fronte italiano Gerardo Panichi – Presidente di Doc.it – Associazione Documentaristi Italiani.

L’incontro è promosso dall’ACIG Associazione per il Commercio italo-georgiano, dal Georgian National Film Center con il sostegno del Ministero della Cultura Georgiana e dell’Ambasciata della Georgia in Italia.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Il primo ciak del cortometraggio The Lottery

The Lottery: primo ciak a Roma

Primo ciak nella città di Roma per il film The Lottery, diretto da Giuseppe De Lauri e basato sul racconto di Shirley Jackson.

Karate man

Karate Man: il film sulla vita di Del Falco

Arriva in prima visione su Amazon Prime Video il film Karate Man, diretto da Claudio Fragasso, sulla vita di Claudio Del Falco.

Una scena di Dirty Dancing

Dirty Dancing, nel 2024 un altro sequel?

Il film Dirty Dancing è una pietra miliare del cinema, e si parla di un sequel di cui parliamo con il coreografo Robert Fletcher.

Lascia un commento