Yogananda

Arriva Awake, the life of Yogananda

Yogananda

Il Sentiero della Felicita’ – Awake: The Life of Yogananda di Paola di Florio e Lisa Leeman il documentario sulla vita del celebre maestro indiano di Yoga sarà nelle sale dal 16 febbraio. Il film è una singolare biografia sul famoso yogi che negli anni ’20 ha introdotto lo yoga e la meditazione al mondo occidentale.

Questo film, che è stato tra i primi 5 documentari più visti negli USA, parla della vita e degli insegnamenti di Paramahansa Yogananda, autore di Autobiografia di uno Yogi, un classico della letteratura spirituale che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ancora oggi costituisce un riferimento essenziale per ricercatori, filosofi e cultori dello yoga. L’Autobiografia era l’unico libro presente nell’iPad di Steve Jobs, il quale dispose che ne fossero distribuite 800 copie alle personalità che parteciparono al suo funerale.

È stato anche il libro che ha introdotto al misticismo orientale George Harrison, Russell Simmons e innumerevoli yogi. La pellicola, girata in tre anni, con la partecipazione di 30 paesi, esplora il mondo dello yoga, antico e moderno, orientale e occidentale. Se è vero che il materiale d’archivio sulla vita di Yogananda, morto nel 1952, costituisce l’ossatura della narrazione, il film va però oltre i confini di una tradizionale biografia. Le sequenze includono stralci di interviste, immagini metaforiche che ci conducono dai luoghi di pellegrinaggio dell’India alla Divinity School dell’Università di Harvard, come pure ai suoi sofisticati laboratori di fisica, dal Centro di Scienza e Spiritualità dell’Università della Pennsylvania al Chopra Center di Carlsbad, in California.

Evocando il viaggio dell’anima che cerca di farsi strada tra le illusioni del mondo materiale, il film ci fa vivere un’esperienza di immersione nel regno dell’invisibile. Il film è, in ultima analisi, la storia del genere umano: la lotta universale di ogni creatura per liberarsi dalla sofferenza e per trovare la felicità durevole.

Le due registe, Paola di Florio e Lisa Leeman, vivono a Los Angeles e da anni realizzano documentari che hanno avuto grande successo a livello internazionale. I film di Paola di Florio, candidata all’Oscar nel 1999 per il documentario, Speaking in Strings, sono stati distribuiti nelle sale di tutto il mondo e presentati in programmi di reti televisive quali la HBO, la CBS, la NBC, la FOX, la PBS e il Sundance Channel. I suoi film indipendenti sono stati presentati al Sundance Film Festival, hanno ottenuto numerosi premi e ricevuto menzioni d’onore dalla Academy of Motion Picture Arts & Sciences, dal Writer’s Guild e dalla International Documentary Association.

Il primo, rivoluzionario film di Lisa Leeman, Metamorphosis: Man into Woman, ha vinto il Filmmaker’s Trophy al Sundance Film Festival nel 1990 e ha ottenuto il più alto indice di ascolto su POV, la serie televisiva di documentari trasmessa dalla PBS. Negli ultimi venticinque anni ha diretto, prodotto, scritto e montato molti documentari. Tra i premi e i riconoscimenti ricevuti, oltre al Sundance’s Filmmakers’ Trophy vanno menzionati una candidatura al premio Emmy e il finanziamento che l’American Film Institute concede una tantum ai cineasti indipendenti.
Il Sentiero della Felicita’ – Awake: The Life of Yogananda è distribuito in Italia da Cineama.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Steven Spielberg sul set di The Fabelmans

Steven Spielberg: trionfo ai Golden Globe

Parliamo del regista Steven Spielberg, che in questo inizio anno trionfa ai Golden Globe con il film The Fabelmans.

Il cast di Tre di Troppo. Foto di Loris Zambelli per Photomovie

Tre di Troppo sbanca il box office

Tre di Troppo arriva al cinema e sbanca il box office nel weekend dell’Epifania, tra gli italiani più visti. Ecco i numeri del successo.

Gianni Franco

Gianni Franco: sogno un ruolo da Babbo Natale

Gianni Franco ci parla dei suoi trascorsi attoriali e di ciò che gli porterà il futuro a livello lavorativo fino al film con Carlo Verdone.