Daniela Poggi

L’Esodo: al via le riprese

Daniela Poggi

Nato due anni fa da un’idea del regista Ciro Formisano, il film-denuncia L’Esodo, parte oggi con il suo primo Ciak romano in piazza della Repubblica per due settimane di riprese. Attraverso la storia di Francesca, cinquattottenne “esodata”, interpretata da Daniela Poggi, il film affronta uno dei temi italiani più attuali e drammatici.

Un opera no profit, sostenuta in questi due anni attraverso partecipazioni volontarie tramite il web. Il progetto si propone come strumento uno di protesta contro misure ancora insufficienti per salvaguardare persone senza alcun reddito, a causa della riforma Fornero. Tra gli interpreti anche Rosaria De Cicco e Kiara Tomaselli.

L’inizio riprese del film, che ripercorre con la protagonista il poco lontano 2012, coincide con la discussione della settima salvaguardia nella legge di stabilità, di cui è già stato comunicato un numero inferiore, circa la metà dei 50.000 restanti esodati.

Formisano ha racchiuso nella sceneggiatura frammenti di testimonianze di altre persone ridotte alla miseria a causa della riforma Fornero. Un film umano che mette luce sulla capacità tutta italiana di trovare risorse di sopravvivenza anche in condizioni disastrose, come quella che l’autoeletta classe politica di professori del poco distante 2012 ci ha riservato.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Steven Spielberg sul set di The Fabelmans

Steven Spielberg: trionfo ai Golden Globe

Parliamo del regista Steven Spielberg, che in questo inizio anno trionfa ai Golden Globe con il film The Fabelmans.

Il cast di Tre di Troppo. Foto di Loris Zambelli per Photomovie

Tre di Troppo sbanca il box office

Tre di Troppo arriva al cinema e sbanca il box office nel weekend dell’Epifania, tra gli italiani più visti. Ecco i numeri del successo.

Gianni Franco

Gianni Franco: sogno un ruolo da Babbo Natale

Gianni Franco ci parla dei suoi trascorsi attoriali e di ciò che gli porterà il futuro a livello lavorativo fino al film con Carlo Verdone.