Noi saremo felici ma chissa quando al Pacta Salone. Foto di Federico Buscarino
Noi saremo felici ma chissa quando al Pacta Salone. Foto di Federico Buscarino

Pacta Salone, stagione teatrale 2023/24

Tutto pronto per la stagione teatrale 2023/24 di Pacta Salone a Milano, a partire dal 6 ottobre 2023, per essere Protagonista Solare, una presenza luminosa che lotta per la conoscenza, per generare qualcosa di nuovo, essere motore per un sistema virtuoso ed energico e invitare tutti a essere veri protagonisti!

Le dichiarazioni

La direttrice artistica Annig Raimondi ci racconta: “Eleggiamo quale portabandiera della nostra politica culturale, e filo rosso della Stagione 2023 – 2024, PROTAGONISTA SOLARE, compiuta armonia di ragione e immaginazione, e cioè l’intera e libera coscienza umana, ispirandoci a un pensiero di Elsa Morante: quando il mondo si trova a certi passaggi drammatici, più che mai sarebbe augurabile la consapevolezza e l’impegno di chi si vuol battere per la conoscenza, per raggiungere un obiettivo creando connessioni e dando vita a qualcosa di nuovo in maniera limpida e disinteressata. Protagonista solare come un’entità, stimolo dagli occhi limpidi e lo sguardo al futuro, bomba di energia responsabile e capacità di illuminare un percorso possibile, assetato di esperienza, disinteressato a cliché o stereotipi di genere. Facciamo nostra questa riflessione e la porgiamo a tutti, in particolar modo a chi si occupa di cultura. Artisti, poeti, autori, operatori”.

Il 6 ottobre 2023 comincia la nuova stagione 2023-2024 del PACTA Salone con 56 spettacoli, 133 aperture di sipario, 19 prime, 13 produzioni e coproduzioni PACTA . dei Teatri tra novità e riprese, 3 progetti speciali ormai divenuti storici (DonneTeatroDiritti, pactaSOUNDzone, PARAPIGLIA TeatroInFamiglia), il Festival ScienzaInScena giunto al suo settimo anno, la rassegna di danza, una giornata di stand up comedy con i vincitori della scorsa stagione e una rassegna dedicata alle nuove compagnie appena uscite dalle scuole di teatro italiane e internazionali.
PACTA affronta questo nuovo inizio sia promuovendo la sua natura come impresa di produzione dotata di una Compagnia permanente che sta crescendo, sia intensificando le ospitalità e partnership, e inoltre sviluppando ricche proposte sia sul territorio vicino, sia con collaborazioni internazionali, grazie anche alla recente vincita del bando CREA-CULT-2023-COOP (European Cooperation projects) della UE.

La stagione teatrale 2023/24 di Pacta Salone a Milano

Vetrina contemporanea
La prima scelta è iniziare con un progetto luminoso che guarda al nuovo con un mese di ottobre dedicato a testi di giovani autori e attori con 5 spettacoli parte della Vetrina contemporanea: il vincitore della borsa teatrale Anna Pancirolli 2022, che premia e sostiene i progetti teatrali da allestirsi o in fase di allestimento di attori e autori under 35, GRAMSCI GAY (6/8 ottobre) e la segnalazione Menzione Speciale dello stesso bando PREFERISCO IL RUMORE DEL MARE (8 ottobre); torna la compagnia Seven Cults con API E LIEVITO (13/15 ottobre), un testo poetico che parla di abuso, abitudine e bisogno d’amore; segue UNPRINTED (18/22 ottobre) la coproduzione Compagnia Caterpillar e PACTA . dei Teatri, per chiedersi cosa si è disposti a fare per raggiungere uno scopo; mentre termina la sezione CASSANDRA (26/29 ottobre) una produzione Teatro Stabile d’Innovazione Galleria Toledo, drammaturgia e regia di Laura Angiulli, con una variazione sul mito della profetessa amata e maledetta da Apollo.

Apriamo le gabbie: danza
Novembre spalanca le porte del PACTA Salone con APRIAMO LE GABBIE dal 3 al 12 novembre, la rassegna di danza, alla sua III edizione, nata dalla volontà di ospitare giovani danzatori e performers nell’insolito palcoscenico del PACTA Salone, particolarmente adatto per realizzazioni in tecnica mista fra danza e arti visive. 8 titoli per conoscere nuove estetiche e tematiche della danza nazionale con Compagnia Xe, Associazione Sosta Palmizi, VuotoperPieno, Compagnia Tarmeh, Anabasi arteinmovimento, VAGA, Sala Nera Tempio, Tempio del Futuro Perduto, Dunamis.

MatematicaInScena e Festival ScienzaInScena-Atto Sette
Vivida sarà la presenza della Scienza sul palcoscenico del PACTA Salone, curata da Maria Eugenia D’Aquino con collaborazioni di partner di alto livello scientifico. Si inizia con gli spettacoli parte di MatematicainScena con la prima assoluta de LA FUNZIONE DEL MONDO – la vita coraggiosa di Vito Volterra (13 novembre) una Performance teatrale con live painting che il CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche, in occasione del 100° anniversario della propria fondazione (1923-2023) ha commissionato a PACTA, uno spettacolo dedicato al suo fondatore, il matematico Vito Volterra; segue il ritorno di BLACK BOX Dentro l’algoritmo (16/18 novembre) con la drammaturgia di Riccardo Mini, la regia di Riccardo Magherini anche in scena con Maria Eugenia D’Aquino e Lorena Nocera.

Sempre in ambito scientifico seguirà poi dal 26 gennaio al 25 febbraio il Festival ScienzaInScena Atto Sette con 11 titoli e collaborazioni con il Politecnico di Milano, INAF – Istituto Nazionale di Astrofisica, CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, Università degli studi di Milano-Bicocca, Department of History University of California, Berkeley, Civico Planetario di Milano, Legambiente.
Si inizia con la prima assoluta di ECHI DI LUCE e l’Universo bussò alle porte dell’Aria (26 gennaio/4 febbraio), una produzione PACTA . dei Teatri – ScienzaInScena con il cofinanziamento dell’Unione Europea – Next Generation, commissionata dall’Istituto Nazionale di Astrofisica: una produzione teatrale per raccontare un’importante conquista nell’osservazione dell’Universo, uno spettacolo in cui drammaturgia, coreografia, scenografia, illuministica, composizione musicale, interpretazione concorrano a rivelare sulla scena le tappe che conducono alle grandi scoperte, all’osservazione del cielo, gli sguardi e le vicende degli scienziati e delle scienziate che hanno reso possibile le scoperte.
Ritorna un’altra produzione PACTA . dei Teatri ELEA, IL SOGNO INTERROTTO DI MARIO TCHOU (14/18 febbraio) su ideazione di Maria Eugenia d’Aquino, Livia Castiglioni e Alberto Oliva, la storia dell’uomo che avrebbe fatto ‘volare’ l’Italia ai primi posti dell’innovazione tecnologica e l’infrangersi di un sogno, visti da una strana soggettiva. Parte del Festival sarà poi IL LATO UMANO DELLA SCIENZA – RicercAttori in scena (6 febbraio), che, con la collaborazione del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Università di Milano-Bicocca, sotto la direzione artistica di Andrea Brunello, presenta al PACTA Salone, per BicoccaInFestival, una performance che vede protagonisti narratori dodici scienziati della compagnia RicercaAttori. Sarà presente anche la Mise en éspace dei testi vincitori del Contest di testi teatrali sull’ambiente L’AMBIENTE IN UN ATTO (19 febbraio) organizzato da PACTA insieme al Circolo Zanna Bianca di Legambiente. Torna (22 febbraio) coSmic di e con Tony Marzolla, un viaggio nei misteri dell’universo tra cronache del passato, teorie presenti e fantasticherie di aspirazioni future in collaborazione con l’INAF, cui segue (23/24 febbraio) 88 FREQUENZE, con Antonella Carone, un monologo sulla storia di Hedy Lamarr, diva di Hollywood definita “la donna più bella del mondo”, che inventa il wifi, ma non viene presa sul serio. E infine due spettacoli per ScienzaInScena for Kids, LA SOFFITTA DELLE STELLE di e con Elisa Baio e Giuseppe Guerrieri (28 gennaio) e IL CODICE DEL VOLO (11/12 febbraio) scritto, diretto e interpretato da Flavio Albanese che racconta la vita, le peripezie, i miracoli e i segreti del più grande genio dell’umanità.
Sempre parte del Festival ScienzaInScena si svolgeranno anche alcuni appuntamenti in giro per Milano: presso il Civico Planetario di Milano, torna con una nuova edizione l’appuntamento cult di e con Giulio Magli, archeoastronomo, direttore del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano, PIRAMIDI E GUERRIERI DI TERRACOTTA (2 febbraio) L’Aldilà celeste degli Imperatori Cinesi e, sempre sotto la volta del Planetario, il racconto a due voci con Monica Aimone esperta di astronomia e Maria Eugenia D’Aquino, IL CIELO DI IPAZIA – frammenti di una storia antica (20 febbraio), intorno alla figura di Ipazia, già protagonista di un cult di PACTA.
Infine al LabArca Teatro di Milano, (25 febbraio), NÉ BRUTTA NÉ BELLA – Nel salotto di Maria Gaetana Agnesi di e con Maria Eugenia D’Aquino, su Maria Gaetana Agnesi, matematica, filosofa e benefattrice milanese.

New Classic
Non manca la sezione dedicata ai grandi maestri, New Classic, che inizia con L’ORAZIO di Heiner Müller (24 novembre/3 dicembre) per la regia di Giovanni Battista Storti, una coproduzione Teatro Alkaest – PACTA . dei Teatri, una storia che affronta un dilemma difficilmente risolvibile: può un eroe, riconosciuto da tutti come lo strenuo difensore della libertà dei suoi concittadini, essere al contempo un assassino?
In occasione del centenario dalla nascita di Italo Calvino, segue in prima assoluta con Alessandro Pazzi, SIAMO TUTTI CALVINISTI – Jukebox letterario sull’opera di Calvino (12 dicembre), un viaggio nel suo mondo immaginifico per riscoprire un autore che ha raccontato il senso dell’uomo contemporaneo attraverso l’allegoria della fiaba.
Marcello Chiarenza, artista che prende strumenti di uso comune per dare vita allo straordinario, porta le magie del suo teatro sul palco del PACTA Salone con ALZATI E’ LUNEDI’ (IL SOGNO DI ADAMO) (19/21 gennaio), produzione Centro Rosetum, un tentativo di ricostruire la bellezza che è il creato dentro la propria casa.
In maggio sarà il momento per la storia di una grande amicizia poetica del ‘900 con DUE poeti per un secolo (13/19 maggio), l’intreccio di due spettacoli dedicati a Thomas Stearns Eliot e Ezra Pound curati da Annig Raimondi, anche in scena: Thomas Stearns Eliot – LA TERRA DESOLATA con la traduzione di Roberto Sanesi, spettacolo cult giunto al 22° anno di repliche e Ezra Pound – I CANTOS – Performance poetica in musica.
Chiude la sezione un altro momento dedicato alla poesia, HANK al secolo Henry Charles Bukowski (4/12 giugno) una produzione PACTA . dei Teatri in prima assoluta con Riccardo Magherini, Nicola Maria Lanni e Gabriele Palimento, un omaggio a un poeta del novecento che ha reso la poesia e la prosa quasi indistinguibili.

Progetto DonneTeatroDiritti
Intenso si impone anche dall’1 marzo al 21 aprile 2024 il Progetto DonneTeatroDiritti, alla sua XV edizione, una rassegna ormai storica per PACTA, un percorso culturale di spettacoli, incontri, video ed esposizioni per mettere in evidenza l’attualità del pensiero di figure punto di riferimento nella cultura dell’emancipazione e delle libertà, ma anche per ritrovare il filo rosso, dal mito a vicende contemporanee, lungo un percorso che parla di violenza e ingiustizia verso i più deboli, di diritto alla qualità della vita, di disuguaglianze sociali ed economiche, di dignità e diritti di popoli e individui.
Apre la sezione l’opera di Giovanni Testori CONFITEOR (1/3 marzo), una produzione ENECEDETE per la regia di Alfredo Traversa, il dilemma, il mistero, il buio che d’improvviso travolge una famiglia con la nascita di un ‘diverso’, di un disabile.
Segue NOI SAREMO FELICI MA CHISSÀ QUANDO, da “Diario di guerra” la testimonianza diretta firmata da Biljana Srbljanović (5/10 marzo), una dura riflessione, produzione Centro Teatrale Bresciano – deSidera Teatro de Gli Incamminati, sulla guerra nella Repubblica Federale di Jugoslavia, su ogni guerra, interpretata da Ksenija Martinovic che ha vissuto sulla propria pelle quei drammatici fatti.
Il famoso racconto filosofico di Voltaire, MICROMEGA (15/24 marzo), viene poi presentato in prima assoluta con la drammaturgia di Maddalena Mazzocut-Mis, la regia di Annig Raimondi in una coproduzione PACTA . dei Teatri – Pontos-Teatro: un testo dove i temi della tolleranza, della ragione come strumento di conoscenza critica, del relativismo delle culture sono al centro del dibattito.
Segue la storia di Gulotta, giovane muratore di Trapani, che ha vissuto ventidue anni in carcere da innocente e trentasei anni di calvario con la giustizia, raccontata in COME UN GRANELLO DI SABBIA (26/28 marzo) da Salvatore Arena in una produzione Mana Chuma Teatro. Lorena Nocera porta in scena (6 aprile) il libro di poesie LE VOCI DEI BAMBINI di Margherita Rimi poetessa, medico e neuropsichiatra infantile che con i suoi versi pone di fronte al grande tema dell’infanzia brutalmente violata e offesa. Violazioni e offese da cui parte anche la produzione LA MONACA DI MONZA alias SUOR VIRGINIA MARIA alias MARIANNA DE LEYVA da Manzoni, Diderot, Stendhal e gli atti del processo (11/21 aprile) con la regia di Annig Raimondi anche in scena con Alessandro Pazzi ed Eliel Ferreira de Sousa.

Eventi
Due eventi tornano, dopo aver riscosso grande successo alla loro prima presentazione la scorsa stagione: la rassegna di Stand Up comedy (14 gennaio), che vedrà sul palco i vincitori della passata edizione Micidiale in 3 ore dove l’unico ingrediente a mancare saranno i rimpianti per l’anno concluso, e LA CRÈME DE LA CRÈME (20/22 maggio) seconda edizione della rassegna di giovani compagnie teatrali nate dalle scuole di teatro italiane e internazionali.

pactaSOUNDzone 2024
Quattro lunedì dal 26 febbraio ospitano, all’interno della stagione, la nona edizione del progetto pactaSOUNDzone, che unisce PACTA . dei Teatri e il progetto ZONE di Maurizio Pisati e da quest’anno vedrà l’unione con il CSR-centro studi e ricerche. Di nuovo libera negli spazi teatrali dal vivo, la rassegna chiede agli Artisti ospiti di reinventare la scena che troveranno già montata sul palco (la stessa che il pubblico del PACTA Salone vede in prosa durante la settimana) in una nuova, alternativa, visionaria storia di suoni.

PARAPIGLIA TeatroInFamiglia
Dal 14 ottobre al 17 marzo, non poteva mancare la rassegna di teatro per bambini e ragazzi organizzata da PACTA . dei Teatri in collaborazione con DittaGiocoFiaba con spettacoli nel fine settimana.

Stagioni teatrali a cura del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo
Segui le stagioni teatrali italiane a cura del quotidiano La Gazzetta dello Spettacolo

Su Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Danila Stalteri

Danila Stalteri: il passato non esiste, esiste il futuro

Ritroviamo l'attrice Danila Stalteri, nuovamente alle prese con le prove de "Guida pratica per coppie alla deriva" al teatro.

Massimiliano Vado. foto di Beniamino Finocchiaro

Massimiliano Vado: torniamo a far riflettere in teatro

Un incontro molto piacevole quello avuto con l'attore e regista Massimiliano Vado, che ci racconta i suoi sogni.

Guida pratica per coppie alla deriva

Guida pratica per coppie alla deriva, in scena a Roma

La vita in due ha i suoi pro ed i suoi contro, e per raccontarli, va in scena "Guida pratica per coppie alla deriva"

Lascia un commento