Ottobre Rosa

Ottobre rosa: un cappello contro il cancro al seno

Oggi vi vogliamo parlare dell’iniziativa Ottobre Rosa, a cura di una designer bellissima, Roxana Alina Batog, venuta da lontano ma ormai fiorentina di adozione, ha ricreato l’azienda, la “bottega fiorentina” rinascimentale nel cuore della città.

Ottobre Rosa

Ispirata dal “fatto a mano” della tradizione dei nostri maestri artigiani, donna piena di fantasia, creatività, crea dei piccoli gioielli fatti di velette eteree, eleganti, composizioni di piume, copricapo leggeri, tessuti di seta, velluti preziosi, paglie di Firenze, feltri, piume, un regno incantato per sentirsi principesse, un laboratorio di idee, moda, architettura, design, colore, espressioni variegate, culturali, non banali… ma la sua sensibilità, colpita da passate e dolorose vicende, la spinge a lanciare una generosa iniziativa per ottobre, mese caratterizzato dal colore rosa.

Ottobre Rosa

Investire nella ricerca produce risultati concreti. Oggi la scienza e la ricerca oncologica sono fra le protagoniste del lavoro dei ricercatori per sconfiggere il cancro e in esse sono riposte le speranze di migliaia di pazienti e per noi, qui in Batog, è un argomento di primaria importanza, poiché ci ha toccato da vicino. La ricerca ha portato a metodi di trattamento migliori, produce risultati migliori e ogni giorno trasforma la vita dei pazienti. Ecco perché questo mese stiamo facendo la nostra parte per aiutare la ricerca e miriamo a rendere ogni donna felice con uno dei nostri meravigliosi copricapo.

Sappiamo che è un momento difficile per quasi tutti a causa della pandemia COVID-19, quindi abbiamo creato una linea di prodotti convenienti per raccogliere fondi per dare a ogni donna la possibilità di aggiungere uno dei nostri cappelli o copricapo al suo guardaroba.

Autore: Daniela Iavolato

Appassionata di comunicazione e digital, mi occupo di ambiente e green.

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze per Cinedecameron

Cinedecameron: il cinema per ricordare Boccaccio

Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Galluzzo di Firenze grazie a Cinedecameron rivisitano, in un inedito cortometraggio Boccaccio.

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti. Foto dal Web

Arte e digitale: 4 lavori creativi più richiesti

La digitalizzazione è un fenomeno che sta coinvolgendo ormai tutte le sfere lavorative: ecco i lavori che uniscono arte e digitale.

Anna Mazzamauro e Paolo Villaggio in una scena di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: i miei premi a Paolo Villaggio

Incontriamo Anna Mazzamauro, la nota attrice di teatro e cinema che riceve il Premio Penisola Sorrentina e ci racconta di Paolo Villaggio.

Lascia un commento