Teatro ZTN

Ferdinandeide in scena allo ZTN

Lo spettacolo di Emilio Massa, Ferdinandeide va in scena

Venerdì 13 ottobre a domenica 14 andrà in scena allo ZTN lo spettacolo Ferdinandeide. Liberamente tratto dall’opera di Annibale Ruccello, Ferdinando e con un cast composto da Maria Pacilio, Claudia Coraggio, Emilio Massa e Antonio Quartucci.

Teatro ZTN

Ferdinandeide

Odi, desideri, vendette bramosie sessuali si consumano all’interno di un palazzo settecentesco tra quattro personaggi tenuti in ostaggio dal proprio desiderio di vedere soddisfatti i loro più reconditi piaceri. Ferdinando è uno dei testi più importanti della drammaturgia napoletana degli anni ’80 ad opera di Annibale Ruccello, sfortunato autore morto prematuramente. La storia narra di una Baronessa bornonica, Clotilde, dispotica e prepotente servita da Gesualdina, cugina povera che svolte il duolo di infermiera/cameriera.

I giorni passano tra recite di rosari, pasticche e visite di Don Catello amante segreto di Gesualdina, povero e meschino, fino a quando non irrompe nella vita di tutti il giovane e bello Ferdinando che creerà intrecci, invidie e tradimenti all’interno del palazzo.

La Compagnia Luca e Vulcani ha cercato di evidenziare nella regia le caratteristiche intrinseche dei singoli personaggi. Clotilde baronessa decaduta, rappresenta il punto di rottura tra i Borboni uscenti ed i Savoia. Il suo attaccamento alla lingua madre, trionfo della napoletanità mai volgare ed a tratti sensuale, mai morbosa, amalgama di ironia, passione, aggressività, violenza e struggimento anche fisico. Non a caso l’unico a parlare italiano è proprio il “traditore” Ferdinando, l’intruso giovane che con l’inganno porterà scompiglio nel vecchio palazzo e che ritornerà a parlare napoletano proprio quando questo inganno verrà svelato.

La figura ambigua di Don Catellino è stata resa rappresentativa di un mondo, la Chiesa, di quel tempo ma anche attuale, per la capacità di cogliere la confusione, l’amoralità, la disillusione e l’opportunismo di una fase storica di passaggio. Tale falsa moralità fa capolino in Gesualdina, simbolo di un bigottismo dietro cui si nascondono peccaminosi desideri di evasione e ribellione. Oggi come allora, sembrano l’egoismo e il cinismo le categorie vincenti, utili a sopravvivere quando ogni morale, ogni valore, va a farsi benedire.

Autore: Redazione

Redazione Giornalistica

Potrebbe interessarti

Antonella Prisco. Foto di Luisa Maio

Antonella Prisco: vi racconto CambiaMenti

Il 14 febbraio, l'attrice Antonella Prisco calcherà uno tra i palchi più suggestivi e preziosi di Napoli: il Sannazaro.

Caterina De Santis in Oggi sposi… Sentite condoglianze

Oggi sposi… Sentite condoglianze! Al Bracco

Oggi sposi… Sentite condoglianze!, Uno spettacolo corale, un piccolo viaggio attraverso diverse forme di espressione teatrale.

Giorgio Adamo in Vlad - Dracula

Vlad: Dracula in musical al Brancaccio

E voi conoscete la storia di Vlad? O lo conoscete meglio come il Conte Dracula? E se dovesse vederla in musical?

Lascia un commento