Breaking News
Home > Teatro > Ferdinandeide in scena allo ZTN

Ferdinandeide in scena allo ZTN

Lo spettacolo di Emilio Massa, Ferdinandeide va in scena

Venerdì 13 ottobre a domenica 14 andrà in scena allo ZTN lo spettacolo Ferdinandeide. Liberamente tratto dall’opera di Annibale Ruccello, Ferdinando e con un cast composto da Maria Pacilio, Claudia Coraggio, Emilio Massa e Antonio Quartucci.

Teatro ZTN

Ferdinandeide

Odi, desideri, vendette bramosie sessuali si consumano all’interno di un palazzo settecentesco tra quattro personaggi tenuti in ostaggio dal proprio desiderio di vedere soddisfatti i loro più reconditi piaceri. Ferdinando è uno dei testi più importanti della drammaturgia napoletana degli anni ’80 ad opera di Annibale Ruccello, sfortunato autore morto prematuramente. La storia narra di una Baronessa bornonica, Clotilde, dispotica e prepotente servita da Gesualdina, cugina povera che svolte il duolo di infermiera/cameriera.

I giorni passano tra recite di rosari, pasticche e visite di Don Catello amante segreto di Gesualdina, povero e meschino, fino a quando non irrompe nella vita di tutti il giovane e bello Ferdinando che creerà intrecci, invidie e tradimenti all’interno del palazzo.

La Compagnia Luca e Vulcani ha cercato di evidenziare nella regia le caratteristiche intrinseche dei singoli personaggi. Clotilde baronessa decaduta, rappresenta il punto di rottura tra i Borboni uscenti ed i Savoia. Il suo attaccamento alla lingua madre, trionfo della napoletanità mai volgare ed a tratti sensuale, mai morbosa, amalgama di ironia, passione, aggressività, violenza e struggimento anche fisico. Non a caso l’unico a parlare italiano è proprio il “traditore” Ferdinando, l’intruso giovane che con l’inganno porterà scompiglio nel vecchio palazzo e che ritornerà a parlare napoletano proprio quando questo inganno verrà svelato.

La figura ambigua di Don Catellino è stata resa rappresentativa di un mondo, la Chiesa, di quel tempo ma anche attuale, per la capacità di cogliere la confusione, l’amoralità, la disillusione e l’opportunismo di una fase storica di passaggio. Tale falsa moralità fa capolino in Gesualdina, simbolo di un bigottismo dietro cui si nascondono peccaminosi desideri di evasione e ribellione. Oggi come allora, sembrano l’egoismo e il cinismo le categorie vincenti, utili a sopravvivere quando ogni morale, ogni valore, va a farsi benedire.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi